Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda a Milano. Milano di Moda - Lo stretto legame tra la moda ed il territorio

– Quanto vale Milano per la moda?
– Quanto vale la moda per Milano?

Già dal XVII secolo si assistette alla moda come istituzione della modernità. Il mondo della moda è caratterizzato da un’interazione continua di diversi attori, stilisti, pubblicitari, media, ecc.; il campo della moda, diversamente da quanto si potrebbe pensare, non è costituito solo da creatori, produttori, distributori e intermediari culturali, ma anche da consumatori, i quali possono essere e sono considerati i veri ideatori delle mode e degli stili urbani, che danno e restituiscono vigore e immagine soprattutto alle grandi città della moda. Parlare di moda, come segnala Yuniya Kawamura, docente di sociologia nel Fashion Institute Of Technology della State University of New York, non significa parlare solo di abiti o di stile vestimentario.
Un tema trasversale a molte discipline e perciò a molti aspetti umani.
In particolare, la sociologia si è interessata alla moda in quanto fenomeno collettivo, capace di produrre una certa uniformità del comportamento in un gruppo più o meno vasto di individui, in un determinato arco di tempo, definendo il rapporto esistente tra la moda e i processi di mutamento sociale all’interno delle società contemporanee.
Fondamentali oggi più che in passato sono i contesti urbani di produzione in quanto la moda tende a concentrarsi in alcune particolari città dove è radicalmente strutturata, come Parigi, New York, Milano e Londra, perché la moda è un fenomeno che in qualche modo è radicato in un preciso contesto urbano. All’interno della città tende a ritagliare degli spazi in alcuni quartieri ben distinti: le strade sono come laboratori, fonte di ispirazione e diffusione delle mode, tanto che oggi si inizia a parlare di “strada di moda”, “quartiere alla moda” sia per indicare che gli showroom non sono più il mezzo statico tramite cui la moda si mostra ai consumatori e al pubblico, sia che le strade sono diventate le vere vetrine dinamiche della moda.
Il legame tra la moda e Milano è molto stretto: la moda ha modificato il tessuto urbano attraverso la rivalutazione di alcuni quartieri semiperiferici. Le vecchie aree industriali riconvertite in centri commerciali e abitativi come via Savona, via Tortona, corso Como, zona Ticinese; luoghi di deindustrializzazione che la moda e i servizi hanno saputo recuperare e valorizzare per mezzo della creatività. Ma anche zone centrali quali, ad esempio, le zone Boccaccio-Cadorna e Mozart-Cappuccini, nelle quali i vecchi edifici borghesi sono stati recuperati e trasformati in showroom.
La moda viene da me anallizata come un fattore di sviluppo non solo quantitativo ma anche di riqualificazione qualitativa della città.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 6 - 1.1 Che cosa Ł la Moda? Gi dal XVII secolo si assistette alla moda come is tituzione della modernit . Il mondo della moda Ł caratterizzato da un interazione continua di diversi attori, stilisti, pubblicitari, media, ecc.; il campo della moda, diversamente da quanto si potrebbe pensare, non Ł costituito solo da creatori, produttori, distributori e intermediari culturali, ma anche da consumatori, i quali possono essere e sono considerati i veri ideatori delle mode e degli stili urbani, che danno e restituiscono vigore e immagine soprattutto alle grandi citt del la moda. Parlare di moda, come segnala Yuniya Kawamura, docente di sociologia nel Fashion Institute Of Technology della State University of New York, non significa parlare solo di abiti o di stile vestimentario. Per moda quindi si intend e quel fenomeno sociale che consiste nell’affermarsi, in un determinato momento storico e in una data area geografica e culturale, di modelli estetici e comportamentali (nel gusto, nello stile, nelle forme espressive) e nel loro diffondersi via via che ad essi si conformano gruppi, piø o meno vasti, per i quali tali modelli costituiscono, al tempo stesso, elemento di coesione interna e di riconoscibilit rispetto ad altri gruppi. In e poca moderna, e in particolare nella societ occidentale contemporanea, tale fenomeno assume caratteristiche peculiari in relazione con l’elevata mobilit sociale, la rapida e vasta diffusione delle immagini tramite i mezzi di comunicazione di massa, la creazione o appropriazione dei modelli da parte dell’industria, che d loro forma di merci adeguata al mercato internaz ionale. Come espressione del gusto predominante (tipico di una determinata societ ), l a moda interessa ambiti intellettuali, ideologici, movimenti artistici e letterari, o, piø genericamente, abitudini, comportamenti, preferenze. (Galiani, Enciclopedia Treccani 2007). Un tema trasversale a molte discipline e perci a m olti aspetti umani. In particolare, la sociologia si Ł interessata alla moda in quanto fenomeno collettivo, capace di produrre una certa uniformit del comportamento in un gruppo piø o meno vasto di individui, in un determinato arco di tempo, definendo il rapporto esistente tra la moda e i processi di mutamento sociale all interno delle societ contemporanee. La difficolt maggiore che si incontra nella tratta zione della moda consiste proprio nel sapere e nel riuscire a individuare una chiave di lettura adeguata a un fenomeno che, per definizione, Ł contrassegnato dall estrema mutevolezza delle sue manifestazioni. Aiuta il fatto che nella storia, ogni nuova idea tende ad assumere le caratteristiche di una moda, proprio in virtø della sua capacit di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Livia Bortolotti Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5275 click dal 13/06/2008.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.