Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Risk Report alla luce dei principi nazionali ed internazionali. Un'applicazione ad un'impresa industriale.

Risk Management
Risk report
IAS IFRS

Il progredire della globalizzazione dei mercati finanziari e l’acuirsi della pressione competitiva tra le imprese hanno reso sempre più labile la distinzione tra rischi deliberatamente assunti dall’imprenditore e i rischi soggetti a gestione. Sempre più spesso anche questi ultimi concorrono a formare il rischio d’impresa al fine di non assottigliare ulteriormente i margini reddituali.
Questo lavoro si propone di affrontare la tematica del rischio d’impresa, partendo dal concetto di rischio ed incertezza, passando per il processo di risk management e giungendo ad un live case study.


La struttura del lavoro è articolata in tre parti. La prima parte ha natura introduttiva e si propone di descrivere i concetti di rischio in ambito aziendale per poi soffermarsi un po’ di più su quelle variabili che sono i fattori di rischio che maggiormente influiscono nei rendimenti delle imprese: il tasso di cambio, il tasso d’interesse e il costo delle materie prime (commodity price) nonché successivamente sui modelli di rischio-rendimento maggiormente adoperati dagli analisti finanziari. La seconda parte che costituisce la parte centrale del lavoro, sviluppa il tema del risk management incentrandosi principalmente sulla mappatura dei rischi d’impresa e sulle modalità di gestione del rischio. Nella terza ed ultima parte viene fatta un’applicazione pratica, con la costruzione della mappa dei rischi d’impresa dell’impresa industriale

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il progredire della globalizzazione dei mercati finanziari e l’acuirsi della pressione competitiva tra le imprese hanno reso sempre più labile la distinzione tra rischi deliberatamente assunti dall’imprenditore e i rischi soggetti a gestione. Sempre più spesso anche questi ultimi concorrono a formare il rischio d’impresa al fine di non assottigliare ulteriormente i margini reddituali. Questo lavoro si propone di affrontare la tematica del rischio d’impresa, partendo dal concetto di rischio ed incertezza, passando per il processo di risk management e giungendo ad un live case study. Il vantaggio di utilizzare una politica di gestione del rischio (risk management) viene dalla possibilità di gestire le probabilità di trovarsi in difficoltà finanziarie e dalla possibilità di gestire la variabilità dei profitti e dei flussi di cassa. I costi associati alle difficoltà finanziarie dipendono dal tipo di difficoltà affrontate e possono variare da costi maggiori per i prestiti a parametri più severi per i crediti oppure, addirittura una bancarotta nei casi più gravi. I benefici che si possono avere gestendo il rischio possono essere di vario tipo: ξ in caso di una probabilità significativa di bancarotta ritenuta dagli azionisti (shareholders) il valore di mercato dell’impresa rifletterà questa probabilità e un programma di gestione di rischio che riduca questa probabilità con un costo piccolo o nullo porterà un incremento del valore di mercato dell’impresa; ξ la gestione del rischio genera benefici all’impresa anche attraverso i benefici che creano le persone con interessi nell’impresa (stakeholders). Un impresa che vuole avere successo necessita di dirigenti (managers) e di lavoratori ai quali dare fiducia, di fornitori che permettano tempi più lunghi per i pagamenti, di creditori accomodanti e di clienti fedeli. Questi comunque sono esposti nei confronti dell’impresa ed alcuni non possono diversificare il rischio 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Ricci Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1193 click dal 06/06/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.