Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ciminal profiling: dalla scena del crimine al profilo psicologico del criminale; dall'autore del reato allo studio della vittima

L’aggressività, la violenza apparentemente immotivata, la gratuità e la sproporzione del gesto sono stati vissuti in prima persona, nonché sperimentati, in differenti contesti, come quello clinico e quello sociale. La letteratura scientifica sostanzialmente concorda che solamente una bassa percentuale di soggetti affetti da disturbi mentali manifesta comportamenti distruttivi, ed il bisogno di comprendere quale sia il motore primo della violenza, quale l’assetto di personalità che sta alla base di suddetta violenza, ha prodotto una vastissima letteratura e rappresenta uno dei maggiori campi di studio della criminologia. Molti autori, da tempo, si sono impegnati nello studio di un particolare approccio, alla comprensione di chi possa rendersi interprete assoluto di un atto estremo quale l’omicidio o, comunque, di un crimine violento: si tratta del criminal profiling. Questo vuole essere il tema del presente lavoro, una descrizione del profilo psicologico dell’autore di un reato violento a partire dall’analisi dei più piccoli e apparenti dettagli della scena del crimine che necessariamente raccontano qualcosa dell’autore del reato, agli occhi di chi sa ed è addestrato ad osservare. Il profiling si pone al confine tra la scienza dell’investigazione e le discipline psicologiche, al confine tra psicologia e psichiatria clinica e forense, tra statuto di scientificità e arte. In Italia, diversamente da altri paesi del mondo, il criminal profiling sembra essere accompagnato da scetticismo e da sospetto

Mostra/Nascondi contenuto.
  1   Introduzione La psicologia non potrà mai dire la verità sulla follia, perché è la follia che detiene la verità della psicologia. Foucaul M., Maladie mentale et psychologie, 1962,102 L’aggressività, la violenza apparentemente immotivata, la gratuità e la sproporzione del gesto sono stati vissuti in prima persona, nonché sperimentati, in differenti contesti, come quello clinico e quello sociale. La letteratura scientifica sostanzialmente concorda che solamente una bassa percentuale di soggetti affetti da disturbi mentali manifesta comportamenti distruttivi, ed il bisogno di comprendere quale sia il motore primo della violenza, quale l’assetto di personalità che sta alla base di suddetta violenza, ha prodotto una vastissima letteratura e rappresenta uno dei maggiori campi di studio della criminologia. Molti autori, da tempo, si sono impegnati nello studio di un particolare approccio, alla comprensione di chi possa rendersi interprete assoluto di un atto estremo quale l’omicidio o, comunque, di un crimine violento: si tratta del criminal profiling. Questo vuole

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Michele Spallino Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12725 click dal 22/09/2009.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.