Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Customer satisfaction: il caso del Comune di Cassino

Tutti i comuni d’Italia presentano una molteplicità di problemi la cui risoluzione viene fatta rientrare nella sfera pubblica. Si sta parlando di quei problemi che possono riguardare tanto il semplice rilascio di un certificato quanto la più complessa questione della disoccupazione. Spesso le amministrazioni comunali si trovano a dover risolvere i problemi che sono di loro competenza senza averne i mezzi e gli strumenti adatti.
A mio avviso, buona parte delle cause di questa situazione è da attribuire alla mentalità della maggioranza degli italiani che vedono nel clientelismo l’unica strada per trovare occupazione e fare carriera. Da ciò deriva l’esistenza di tanti posti di lavoro di dubbia utilità e la paradossale situazione per cui molte cariche sono ricoperte da persone incompetenti non essendo state assegnate in base alle singole capacità e specifiche predisposizioni. Tutto questo è dispendioso poiché lo scambio dei ruoli non permette al lavoratore di rendere al massimo e di esprimere al meglio le proprie capacità come avrebbe invece potuto fare se fosse stato impiegato nel posto a lui più congeniale. Se ogni cittadino svolgesse il lavoro più adeguato alle proprie capacità e competenze, tanti problemi non sorgerebbero ed altri si risolverebbero più facilmente.
Se l’entusiasmo di effettuare il seguente studio è scaturito dalla mia attenzione verso i problemi sociali, l’interesse è nato invece dalla aspirazione professionale, maturata nel corso degli studi, di far crescere il livello qualitativo di enti pubblici e piccole e medie imprese, partendo dalla considerazione del soddisfacimento delle aspettative degli utenti.
Il soddisfacimento di tali aspettative, nel rapporto che intercorre tra cittadino e Comune di residenza, consiste nella soluzione dei problemi di cui si è parlato in precedenza. Poiché ogni singola città o territorio ha realtà differenti, risulta importante conoscere questi problemi rapportandoli ad ogni singola realtà urbana. Gli studi da me effettuati, presso la facoltà di Economia e Commercio, mi hanno insegnato che la “Ricerca di mercato” è lo strumento più idoneo per ottenere tali informazioni. Essa consiste in una serie di interviste effettuate su un campione che rappresenta la popolazione, dalla quale si vogliono ricevere specifiche informazioni.
Dunque, sia l’interesse verso i problemi sociali, sia l’aspirazione professionale mi hanno spinto ad intraprendere con entusiasmo tale studio.
Contando sulla validità della metodologia adottata nell’attuare la ricerca di mercato, la mia speranza è che essa possa risultare utile a quanti sentano la necessità ed abbiano l’interesse ad occuparsi di quei problemi sociali la cui risoluzione è maggiormente sentita dalla cittadinanza.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Premessa Tutti i comuni d’Italia presentano una molteplicità di problemi la cui risoluzione viene fatta rientrare nella sfera pubblica. Si sta parlando di quei problemi che possono riguardare tanto il semplice rilascio di un certificato quanto la più complessa questione della disoccupazione. Spesso le amministrazioni comunali si trovano a dover risolvere i problemi che sono di loro competenza senza averne i mezzi e gli strumenti adatti. A mio avviso, buona parte delle cause di questa situazione è da attribuire alla mentalità della maggioranza degli italiani che vedono nel clientelismo l’unica strada per trovare occupazione e fare carriera. Da ciò deriva l’esistenza di tanti posti di lavoro di dubbia utilità e la paradossale situazione per cui molte cariche sono ricoperte da persone incompetenti non

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Elio Romeo Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3342 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.