Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Il dibattito sulla riforma dell’Onu non è certamente cominciato in questi ultimi anni. Anzi, già durante i lavori preparatori alla Conferenza di San Francisco (1945), mentre quindi ancora si stava discutendo dell’assetto istituzionale della futura Organizzazione, molti Stati si presentarono all’appuntamento con delle proposte che più o meno esplicitamente tendevano ad apportare delle modifiche al “progetto” presentato dalle 4 Potenze invitanti, segno evidente che fin da subito molti Governi si resero conto che le Nazioni Unite, così come erano state concepite, presentavano quantomeno dei problemi e di non poco conto: venivano criticati principalmente il funzionamento del Consiglio di Sicurezza e le attribuzioni della Corte Internazionale di Giustizia.
La Guerra del Golfo ha messo a nudo i limiti funzionali dell’Onu, e del Consiglio di Sicurezza in particolare; comunque essa ha anche avuto una ricaduta positiva: molti hanno cominciato a chiedersi se è possibile veramente andare avanti in questa situazione, con pochi Stati che controllano l’Organizzazione a loro piacimento. Il movimento riformatore che si è sviluppato in questi ultimi anni è testimonianza concreta di come il tema Onu sia ormai un argomento che è uscito da ristretti ambiti intergovernativi per coinvolgere anche molte Ong che stanno studiando con cura il problema. La speranza è che tutto questo lavoro non resti, come negli anni passati, solo un mucchio di belle parole come cornice di una politica “gattopardesca”: cambiare tutto per non cambiare niente!

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO 1: PROBLEMATICHE GENERALI DELLA RIFORMA ONU I. Cenni storici sul dibattito per la riforma dell’Onu Il dibattito sulla riforma dell’Onu non è certamente cominciato in questi ultimi anni. Anzi, già durante i lavori preparatori alla Conferenza di San Francisco (1945) 1 , mentre quindi ancora si stava discutendo dell’assetto istituzionale della futura Organizzazione, molti Stati si presentarono all’appuntamento con delle proposte che più o meno esplicitamente tendevano ad apportare delle modifiche al “progetto” presentato dalle 4 Potenze invitanti, segno evidente che fin da subito molti Governi si resero conto che le Nazioni Unite, così come erano state concepite, presentavano quantomeno dei problemi e di non poco conto: venivano criticati principalmente il funzionamento del Consiglio di Sicurezza e le attribuzioni della Corte Internazionale di Giustizia; “[…] anche se numerose furono le questioni discusse e le norme, anche di un certo rilievo, aggiunte a San Francisco, spesso su iniziativa di Stati medi e piccoli, […] i pochi tentativi diretti ad evitare che l’efficacia della nuova Organizzazione riposasse in larga misura sulla volontà e sulla concordia delle Grandi Potenze ed in definitiva dall’arbitrio di queste dipendesse, fecero fallimento” 2 . Già dai primi anni di vita dell’Onu ci si rese conto quindi che molte cose non funzionavano; Maurice Bertrand, tra i più esperti conoscitori della materia, fa risalire i primi tentativi di riforma almeno fino al 1954 3 . Seguendo questo autore possiamo citare, a titolo esemplificativo, tutta una serie di piccole riforme che hanno interessato il Segretariato: cominciò il Segretario Generale Trygue Lie il quale formò un gruppo di 1 Cfr. B. Conforti, Le Nazioni Unite, Padova, Cedam, 1996, pag. 5 – 8 2 Cfr. B. Conforti, Le Nazioni Unite, Padova, Cedam, 1996, pp. 6 – 7 3 Cfr. M. Bertrand, L’Onu, Paris, Ed. La Découverte, 1994, pp. 108 ss.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Pagliaro Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4591 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.