Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La legittima difesa nei luoghi di privata dimora: il nuovo art. 52 comma 2 c.p.

la presente tesi tratta il tema della legittima difesa abitativa introdotta nell'art 52 comma 2 c.p. ad opera della legge 13 febbraio 2006, n. 59.
tale riforma ha dato vita ad ampio dibattito dottrinale e a varie interpretazioni che sono state fornite dai mass media, spesso non completamente condivisibili.
tale tesi ripercorre l'iter d formazione e approvazione della legge concentrandosi in particolar modo sulle diverse posizioni espresse dalla dottrina, che posson raggrupparsi in 2 orientamenti:

- il primo sostiene l'incostituzionalità della normativa in esame
- il secondo opta per un interpretazione costituzionalmente orientata della norma.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE 1. La presente tesi ha ad oggetto la disciplina della legittima difesa nei luoghi di privata dimora, introdotta nell’art. 52 comma 2 c.p. ad opera della legge 13 febbraio 2006, n. 59. Il nuovo comma 2 dell’art. 52 c.p. sancisce: “Nei casi previsti dall’art 614, 1° e 2° comma, sussiste il rapporto di proporzione di cui al 1° comma del presente articolo se taluno presente legittimamente in uno dei luoghi ivi indicati usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere: a) la propria o altrui incolumità; b) i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione”. Il comma 3 stabilisce poi che “la disposizione di cui al secondo comma si applica anche nel caso in cui il fatto sia avvenuto all’interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale”. La riforma della legittima difesa ha dato luogo a un ampio dibattito dottrinale, ancor prima della sua trasposizione in legge dello Stato. Secondo quanto generalmente si afferma, soprattutto nell’opinione pubblica e nel linguaggio dei mass media, la riforma recentemente varata dal Parlamento avrebbe realizzato una svolta nell’ambito della difesa privata e autorizzato l’uso di armi legittimamente detenute al fine di difendere all’interno di un privato domicilio, la vita, l’incolumità ed i beni patrimoniali propri o altrui.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Eleonora Mazzei Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2972 click dal 27/06/2008.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.