Skip to content

La musica tra conoscere e fare nella scuola primaria: temi, problemi, prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Maria Vullo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Benedetto Passannanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Il valore che oggi è attribuito alla musica è frutto di una lunga elaborazione socio-culturale in cui s’intrecciano numerosi eventi. Infatti, tra le discipline scolastiche la musica è una delle più “candide” visto che è riuscita a conquistare il suo pieno statuto educativo da poco più di venti anni.
Nella scuola, la musica è entrata in sordina: prima attraverso le vie di fatto (le pratiche educative), soltanto dopo per le vie di diritto (i programmi della Pubblica Istruzione). Per molto tempo si è presentata come canto e soltanto dal 1985 in poi, alla musica è stato attribuito il valore educativo e didattico che merita, in termini di scelte istituzionali emessi dal Ministero della Pubblica Istruzione per la scuola primaria.
Il presente lavoro vuole evidenziare i cambiamenti che l’educazione musicale ha sviluppato negli anni, per poter essere accolta tra i banchi di scuola e integrata con le altre discipline acquisendo il valore di cui è degna.
La prima parte, vuole sottolineare i cambiamenti avvenuti in termini di educazione musicale prendendo in esame i Programmi Ministeriali dell’’85, la Riforma Berlinguer, le Indicazioni Nazionali della Riforma Moratti e le Indicazioni per il Curricolo della Riforma Fioroni.
La seconda parte, prende in esame i quadri psico-pedagogici di riferimento della pedagogia musicale, la letteratura scientifico-didattica e l’analisi di tre libri di testo adottati nella scuola primaria, che rendono visibili i cambiamenti avvenuti nel processo di insegnamento–apprendimento, seguendo una linea del tempo che arriva ai giorni nostri.
La terza parte, quella conclusiva, vuole sottolineare che l’educazione musicale ha un valore educativo pari alle altre discipline. L’obiettivo è stato quello di dimostrare che l’educazione al suono e alla musica possiede tutti i canoni per essere considerata una vera e propria materia di studio curricolare poiché attraverso un lavoro interdisciplinare, che include tutte le materie, favorisce uno sviluppo cognitivo dell’infante valido e autentico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il presente lavoro affronta il tema dell’educazione musicale nella scuola primaria italiana, attraverso un esame comparato di testi e documenti tratti da pubblicazioni scientifiche e didattiche prodotte in Italia dagli anni ’60 ad oggi. La trattazione ha lo scopo di porre in evidenza, nel discorso educativo sulla musica, i due momenti fondamentali del «conoscere» e del «fare». Per «conoscere» s’intende, in musica, il processo che consente di approdare alla «comprensione» della realtà dal punto di vista sonoro, delle strutture musicali, dei processi e delle opere 1 . Tale comprensione si attua anzitutto attraverso una didattica dell’ascolto consapevole, in grado di cogliere la significazione musicale nei suoi aspetti iconici, semantici e simbolici. Il termine «fare», invece, si riferisce all’esplicazione della disciplina musicale nella sfera poietico-produttiva, e quindi ad una didattica dell’educazione musicale basata sull’«uso espressivo, fabbricativo e comunicativo» dei suoni e sull’obiettivo di una «maturazione/equilibrazione psico-affettiva e sociale» 2 . Alla luce di tale apparente antinomia, il presente lavoro intende dimostrare che il “conoscere” e il “fare” della musica vanno considerati due aspetti inscindibili di un medesimo progetto educativo, come pure dimostrano alcuni orientamenti recenti della ricerca pedagogico-musicale odierna 3 . Il primo capitolo traccia un breve profilo storico dell’educazione musicale in Italia, evidenziando alcune tappe significative che la disciplina “Educazione musicale” ha percorso per essere accolta ufficialmente nel curricolo della scuola primaria italiana con la dicitura Educazione al suono e alla musica nel 1985. L’analisi si sofferma in particolar modo a considerare, da un lato, il punto di vista dei pedagogisti e delle rispettive teorie di riferimento; dall’altro, 1 Cfr M. Della Casa, Educazione musicale e curricolo, Bologna, Zanichelli, 2002, pp. 64-70. 2 Ivi, p. 19. 3 Per una panoramica di tali orientamenti, cfr. il par. 2.3.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi libri di testo
bruner
colazzo
damiani
delalande
educazione musicale
gordon
indicazioni per i curricolo
maurizio della casa
music learning theory
musica e interdisciplinarità
musica e linguaggio verbale
musica e matematica
musica e storia
piaget
quadri psicopedagogici di riferimento
riforma moratti
scuola primaria
teoria epistemologica musica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi