Skip to content

Variazioni sul tema dell'Emissions Trading Law: dinamiche contrattuali riferite all'ET - Emissions Trading propriamente detto

Informazioni tesi

  Autore: Mariachiara Gallian
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Franco Silvano Toni di Cigoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

“Il problema del cambiamento climatico è indubbiamente una delle questioni più attuali del ventunesimo secolo. Da un lato, si pone come una minaccia senza precedenti, e ancora in gran parte sconosciuta, per il sistema climatico globale da cui dipende l’umanità; dall’altro lato, i possibili rimedi per contrastarlo richiedono un enorme e costoso mutamento delle economie industriali occidentali, ancora fortemente dipendenti dalle fonti di energia non rinnovabili, cioè dai combustibili fossili, il cui utilizzo provoca emissioni di biossido di carbonio, dannosamente rilasciate nell’atmosfera. Per decenni, gli esperti hanno studiato il processo chimico mediante il quale le emissioni di anidride carbonica ed altri gas riscaldano il pianeta attraverso il cosiddetto ‛effetto serra’, ma solo verso gli anni ‘80 è emersa a livello internazionale la preoccupazione riguardante l’impatto di queste emissioni sull’atmosfera, e solo nelle ultime due decadi del ventesimo secolo le Nazioni Unite hanno mosso i primi importanti passi per il riconoscimento e la consapevolezza del problema. Tali passi hanno condotto alla Convenzione sui Cambiamenti Climatici del 1992 e all’ormai noto Protocollo di Kyoto del 1997, finalizzato a diffondere l’utilizzo di ‘meccanismi di mercato’ per ridurre le emissioni di gas e quindi l’effetto serra, allo scopo di fermare la minaccia del cambiamento climatico.” Da questo estratto si evince che parlare oggi di cambiamento climatico e di tutela ambientale significa anzitutto parlare di politica ambientale , in quanto proprio le Nazioni Unite sono intervenute attraverso strumenti giuridici di diritto commerciale internazionale, cioè gli atti normativi citati, per arginare il fenomeno del mutamento climatico, seguendo alla lettera il cosiddetto “principio di precauzione” . Si potrebbe pertanto parlare di un nuovo capitolo nel panorama del diritto internazionale, vale a dire la nascita ex novo di un diritto ambientale delle emissioni, che si sviluppa attraverso la commercializzazione delle stesse. Quindi, è proprio il diritto internazionale che ha inventato il cosiddetto Emissions Trading Law e consequenzialmente ha inventato ex novo un nuovo mercato, quello ambientale, che si sviluppa a “cerchi concentrici”, a livello internazionale, regionale e nazionale, e dove gli scopi del Protocollo di Kyoto si raggiungono attraverso lo strumento di mercato per eccellenza, il contratto, su cui si fondano tutti e tre i meccanismi previsti dal trattato.La “mercatizzazione” del diritto ambientale crea pertanto una naturale interazione tra diritto, ambiente ed economia, dove la tutela ambientale non è tanto perseguita a fini salutistici o etici, quanto piuttosto perché permette di produrre ricchezza, “fare economia” attraverso lo spostamento e l’allocazione di risorse. L’ interesse verso questo tema d’attualità è nato dall’amara constatazione che quotidianamente i mass media riportano notizie di calamità naturali dovute proprio al mutamento climatico del pianeta. Molti studiosi hanno appurato il nesso scientifico causale tra tali fenomeni ambientali, il surriscaldamento del Globo e l’attività energetico - industriale umana, fonte principale del problema a causa delle emissioni di gas serra, ma mancano una conoscenza ed una consapevolezza comuni e diffuse dell’argomento, anche perché gli studi e le ricerche fino ad oggi prodotti sono molto eterogenei, e non sempre comprensibili se non da parte degli esperti di settore. Lo studio proposto pertanto approfondirà il tema in questione, rivolgendo l’attenzione a com’è impostato e si sviluppa giuridicamente ed economicamente l’impegno degli Stati sul piano internazionale, e non, per affrontare il fenomeno del cambiamento climatico. Il focus della ricerca sarà rappresentato da uno dei tre meccanismi cosiddetti “flessibili” previsti dal Protocollo di Kyoto per la sua stessa attuazione: l’Emissions Trading (ET), ovvero il sistema di scambio di quote d’emissione di gas ad effetto serra. Non saranno invece oggetto di analisi, pur se richiamate con brevi cenni, le altre due forme previste dal Trattato, ovvero Joint Implementation (JI) e Clean Development Mechanism (CDM), altrettanto importanti al fine di conseguire gli obiettivi di politica ambientale posti dalle Nazioni Unite.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 INTRODUZIONE “Il problema del cambiamento climatico è indubbiamente una delle questioni più attuali del ventunesimo secolo. Da un lato, si pone come una minaccia senza precedenti, e ancora in gran parte sconosciuta, per il sistema climatico globale da cui dipende l’umanità; dall’altro lato, i possibili rimedi per contrastarlo richiedono un enorme e costoso mutamento delle economie industriali occidentali, ancora fortemente dipendenti dalle fonti di energia non rinnovabili, cioè dai combustibili fossili, il cui utilizzo provoca emissioni di biossido di carbonio, dannosamente rilasciate nell’atmosfera. Per decenni, gli esperti hanno studiato il processo chimico mediante il quale le emissioni di anidride carbonica ed altri gas riscaldano il pianeta attraverso il cosiddetto effetto serra’, ma solo verso gli anni ‘80 è emersa a livello internazionale la preoccupazione riguardante l’impatto di queste emissioni sull’atmosfera, e solo nelle ultime due decadi del ventesimo secolo le Nazioni Unite hanno mosso i primi importanti passi per il riconoscimento e la consapevolezza del problema. Tali passi hanno condotto alla Convenzione sui Cambiamenti Climatici del 1992 e all’ormai noto Protocollo di Kyoto del 1997, finalizzato a diffondere l’utilizzo di ‘meccanismi di mercato’ per ridurre le emissioni di gas e quindi l’effetto serra, allo scopo di fermare la minaccia del cambiamento climatico.”1 Da questo estratto si evince che parlare oggi di cambiamento climatico e di tutela ambientale significa anzitutto parlare di politica 1 D. FREESTONE, The UN Framework Convention on Climate Change, the Kyoto Protocol, and the Kyoto Mechanisms, in Legal Aspects of Implementing the Kyoto Protocol Mechanisms: Making Kyoto Work, D. FREESTONE e C. STRECK (edited by), Oxford University Press, 2004, Part I, Introduction, pp.3-4.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi