Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi economica mondiale del 1929 e la teoria generale di Keynes

La crisi economica mondiale del 1929 e la teoria generale di Keynes.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La Grande Depressione fu la peggiore crisi mai attraversata dall’economia mondiale. Colpì quasi tutti i paesi, da quelli più avanzati dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti, a quelli meno sviluppati come Canada, Australia, Giappone e Argentina, fino ai paesi sottosviluppati dell’America Latina, dell’Asia e dell’Africa non appena questi furono inglobati nel mercato mondiale. In particolare, la crisi del 1929 costituì un trauma epocale per gli Stati Uniti. Le depressioni, infatti, durano uno o due anni; i prezzi e il credito si contraggono bruscamente, le posizioni economiche insostenibili vengono liquidate, la disoccupazione sale temporaneamente e poi comincia un rapido recupero. L’esperienza delle dure crisi del 1907-1908 e del 1819- 1821, così come il periodo di recessione del 1920-1921 hanno seguito questa evoluzione1. Invece, la Grande Depressione, cominciata nel 1929, si protrasse per undici anni. Oltre che per la sua lunga durata, la depressione del 1929 risultò traumatica per una pesante e ininterrotta disoccupazione. Mentre l’intensità della caduta dei prezzi e della contrazione monetaria non furono una novità, l’intensità e la durata della disoccupazione furono nuove e sconvolgenti. Nella fase più acuta delle depressioni precedenti, la consistenza della forza lavoro americana disoccupata aveva raramente raggiunto il 10 per cento. Essa sorpassò invece il 20 per cento nel 1931 e rimase sempre sopra il 15 per cento, fino allo scoppio della Seconda guerra mondiale. Il principale impatto della Grande Depressione sull’opinione pubblica fu la convinzione che la crisi del 1929 fosse stata determinata dal “capitalismo del laissez-faire”. L’opinione comune tra gli economisti ha sostenuto che durante gli anni Venti era prevalso un “capitalismo non riformato” e che la depressione aveva mostrato come il vecchio sistema del laissez-faire non potesse più funzionare. Questa tesi si fonda sulla 1 L. De Rosa, La crisi economica del ‘29, Firenze, 1979, p. 10 ss.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Antonio De Simone Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15996 click dal 03/07/2008.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.