Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto a nascer sano

Il diritto a nascer sano è una tematica particolarmente complessa che coinvolge vari campi di studio, dall'etica al diritto e alla biomedica. Il lavoro nasce da un caso concreto per poi soffermarsi sul probabile bilanciamento di interessi coinvolti . Dal diritto di autodeterminazione della donna al fine di vivere una procreazione sana cosciente e responsabile ai sensi dell'art 1 della legge 194/1978, sino al probabile inquadramento di una capacità giuridica nelle varie categorie normative in possesso del concepito. Comparando il tutto ai casi oltralpe (affaire Perruche) wrongful life and wrongful birth. Infine la conclusione altro non è che un'esortazione al fine di colmare il vuoto legislativo in materia

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “La nascita di un figlio ti cambia la vita” 1 . Tale postulato esprime con particolare chiarezza l’emozione che scaturisce dall’evento più importante per la vita della donna: la maternità. La nascita di un figlio però potrebbe aggiungersi ti cambia la vita in negativo quando il figlio nato presenta delle malformazioni. È quanto accaduto alla sig.ra Villanucci che ha dato alla luce una bambina affetta da gravi malformazioni. La sig.ra Villanucci ed il marito agiscono in giudizio chiedendo, per la responsabilità del medico ecografista, il risarcimento dei danni morali subiti. In particolare veniva contestato al medico l’aver omesso d’informare la Villanucci sulle malformazioni riscontrate in sede ecografica e di non aver indicato le stesse nella cartella clinica; i coniugi presentavano ricorso chiedendo altresì la riconoscibilità dello status di danneggiate alle minori e la verificabilità della responsabilità contrattuale dell’Usl ed extra contrattuale del medico. Ma sia il tribunale di primo grado che la Corte d’Appello negavano alle minori lo status di danneggiate non configurando inoltre la possibilità di responsabilità contrattuale dell’Usl. La corte di Cassazione rigettava i ricorsi presentati, riconfermando le motivazioni delle giurisdizioni precedenti. La decisione offre lo spunto per riflettere su una serie di problemi che riguardano da un lato il diritto della madre ad una procreazione sana e responsabile, dall’altro la tutela del concepito. In secondo luogo si pone il problema della qualificazione della responsabilità del medico e della struttura ospedaliera. 1 F. BILOTTA, La nascita di un figlio ti cambia la vita: profili del danno esistenziale, procreazione , una nuova categoria della responsabilità civile, Milano, 2000, p. 227

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Simona Bagnato Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2303 click dal 11/07/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.