Skip to content

Gli obblighi di informazione nella prestazione di servizi di investimento

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Quartana
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e diritto
  Relatore: Alberto Lupoi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 182

La presente tesi si articola in una prima parte nella quale si analizza la rivoluzione avvenuta con il recepimento della MiFID (Market in Financial Instrument Directive) , ovvero la nuova direttiva di origine comunitaria in merito alla regolamentazione dei mercati finanziari che disciplina in particolare i servizi di investimento prestati dagli intermediari ai clienti, l’organizzazione dei mercati regolamentati e le diverse sedi di negoziazione degli strumenti finanziari. In seguito si approfondisce la nuova disciplina prevista per i singoli servizi di investimento.
L’obiettivo di questa tesi è stato, quindi, in primis, quello di esaminare le ragioni per una modifica della disciplina in materia di servizi di investimento e mercati, precedentemente regolata dalla Direttiva ISD (Investment Services Directive) , necessità sorta in quanto questa non era più in grado di rispondere alle esigenze di mercato, non aveva raggiunto l’obiettivo atteso di creare un unico mercato europeo dei servizi finanziari e nemmeno era riuscita ad assicurare un livello comune di tutela della clientela nel contesto europeo. Analizzati i motivi della modernizzazione si è riproposto il percorso che ha portato la Commissione Europea, nell’ambito del Piano d’azione per i Servizi Finanziari (Financial Service Action Plan) e attraverso la procedura Lamfalussy, all’adozione della Direttiva MiFID.
Ci si è addentrati poi nella disamina di quest’ultima, il cui recepimento in Italia rappresenta la modifica legislativa di maggior rilevanza dopo l’adozione del Testo Unico della Finanza (TUF) nell’ambito dei mercati finanziari e dei servizi finanziari, destinata a mutare sensibilmente i rapporti tra intermediari ed investitori, attraverso un complesso articolato di norme, finalizzato all’innalzamento del livello di tutela del cliente ed alla creazione di un mercato unico europeo dei servizi finanziari. Da un lato, quindi, si sono studiati gli obiettivi che la Direttiva MiFID si prefigura, quali la creazione di un mercato unico europeo dei servizi finanziari, il rafforzamento del sistema di tutela per gli investitori, l’innalzamento del livello di competizione tra le imprese di investimento e l’innalzamento del livello di competizione tra mercati regolamentati, sistemi multilaterali e internalizzatori sistematici. Dall’altro si sono approfonditi gli effetti e i principali cambiamenti apportati con il suo recepimento al mercato, che interessano i mercati finanziari e le diverse sedi di esecuzione degli ordini, nonché i rapporti tra intermediari e clienti, e che portano una maggior protezione per il contraente debole.
Si è esaminata in particolare la nuova disciplina prevista per i singoli servizi di investimento, i soggetti abilitatati alla loro prestazione, il procedimento di autorizzazione obbligatorio per lo svolgimento di detti servizi per le imprese di investimento nazionali, comunitarie ed extracomunitarie, i requisiti necessari che devono possedere e le varie forme di vigilanza, regolamentare, informativa ed ispettiva, attuate dalle autorità incaricate di praticarle, Banca d’Italia e Consob, in base ai rispettivi ambiti di competenza.
Si è ritenuto utile, inoltre, approfondire, il servizio di consulenza in materia di investimenti, partendo dall’evoluzione normativa, nazionale ed europea, al fine di evidenziare analogie e differenze rispetto al “nuovo” servizio di consulenza, oggi non più servizio accessorio ma di investimento, così come ora disciplinato dalla MiFID e dalla disciplina di secondo livello, soffermandosi anche sulla figura del consulente indipendente. Per di più, al fine di meglio precisare la natura dell’attività consulenziale si è indagato sulle differenze che caratterizzano quest’ultima attività rispetto alla gestione di patrimoni mobiliari, in particolare la gestione con “preventivo assenso”, soprattutto in quanto in talune modalità operative dell’attività del promotore finanziario vi è chi ravvisava una forma di “gestione occulta” dei patrimoni del cliente, e quindi uno “sconfinamento” in attività riservata all’intermediario. Nella seconda parte della tesi si sono analizzati in specifico gli obblighi di informazione e la responsabilità dell’intermediario in caso di violazione di suddetti obblighi..

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Abstract La presente tesi si articola in una prima parte nella quale si analizza la rivoluzione avvenuta con il recepimento della MiFID (Market in Financial Instrument Directive) 1 , ovvero la nuova direttiva di origine comunitaria in merito alla regolamentazione dei mercati finanziari che disciplina in particolare i servizi di investimento prestati dagli intermediari ai clienti, l’organizzazione dei mercati regolamentati e le diverse sedi di negoziazione degli strumenti finanziari. In seguito si approfondisce la nuova disciplina prevista per i singoli servizi di investimento. L’obiettivo di questa tesi è stato, quindi, in primis, quello di esaminare le ragioni per una modifica della disciplina in materia di servizi di investimento e mercati, precedentemente regolata dalla Direttiva ISD (Investment Services Directive) 2 , necessità sorta in quanto questa non era più in grado di rispondere alle esigenze di mercato, non aveva raggiunto l’obiettivo atteso di creare un unico mercato europeo dei servizi finanziari e nemmeno era riuscita ad assicurare un livello comune di tutela della clientela nel contesto europeo. Analizzati i motivi della modernizzazione si è riproposto il percorso che ha portato la Commissione Europea, nell’ambito del Piano d’azione per i Servizi Finanziari (Financial Service Action Plan) e attraverso la procedura Lamfalussy, all’adozione della Direttiva MiFID. Ci si è addentrati poi nella disamina di quest’ultima, il cui recepimento in Italia rappresenta la modifica legislativa di maggior rilevanza dopo l’adozione del Testo Unico della Finanza (TUF) 3 nell’ambito dei mercati finanziari e dei servizi finanziari, destinata a mutare sensibilmente i rapporti tra intermediari ed investitori, attraverso un complesso articolato di norme, finalizzato all’innalzamento del livello di tutela del cliente ed alla creazione di un mercato unico europeo dei servizi finanziari. Da un lato, quindi, si sono studiati gli obiettivi che la Direttiva MiFID si prefigura, quali la creazione di un mercato unico europeo dei servizi finanziari, il rafforzamento del sistema di tutela per gli investitori, l’innalzamento del livello di competizione tra le imprese di investimento e l’innalzamento del livello di competizione tra mercati regolamentati, sistemi multilaterali e internalizzatori sistematici. Dall’altro si sono approfonditi gli effetti e i principali cambiamenti apportati con il suo recepimento al mercato, che interessano i mercati finanziari e le diverse sedi di esecuzione degli ordini, nonché i 1 Direttiva CE, 21 aprile 2004, n. 39 (MiFID) e Direttiva CE, 10 agosto 2006, n. 73 (Direttiva di secondo livello). 2 Direttiva CEE, 10 maggio 1993, n. 22. 3 Dlgs, 24 febbraio 1998, n. 58.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adeguatezza
annullamento
argentina
cirio
classificazione clienti
consulenza
crisi finanziarie
fsap
gestione patrimoni
informazioni
intermediari
lamfalussy
mercati finanziari
mifid
nullità contratti
obblighi
parmalat
regole comportamento
regole validità
responsabilità intermediario
responsabilità precontrattuale
risarcimento danni
servizi investimento
suitability

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi