Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di collaborazione nel nuovo assetto delle autonomie. Il sistema delle conferenze

Una delle maggiori novità del disegno delineato dalla Costituzione repubblicana entrata in vigore il 1° gennaio 1948 è rappresentata dall’istituzione delle Regioni. La Costituzione ha capovolto l’indirizzo centralistico risalente all’unificazione nazionale, ha potenziato le preesistenti autonomie locali (che ha fatto oggetto di specifico riconoscimento), ne ha anche arricchito l'articolazione, introducendo un nuovo livello territoriale di governo (quello regionale, appunto), che ha dotato di competenze legislative ed amministrative.
È la legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001 quella che realizza la più ampia modifica della Costituzione. La riforma comporta la revisione degli articoli 114-133 della Costituzione, trasformando in profondità l’ordinamento istituzionale della Repubblica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Una delle maggiori novità del disegno delineato dalla Costituzione repubblicana entrata in vigore il 1° gennaio 1948 è rappresentata dall’istituzione delle Regioni. La Costituzione ha capovolto l’indirizzo centralistico risalente all’unificazione nazionale, ha potenziato le preesistenti autonomie locali (che ha fatto oggetto di specifico riconoscimento), ne ha anche arricchito l'articolazione, introducendo un nuovo livello territoriale di governo (quello regionale, appunto), che ha dotato di competenze legislative ed amministrative. L’art. 5 della Costituzione, inserito nei solenni principi fondamentali dello Stato, proclama il riconoscimento e la promozione di tutte le autonomie locali, sancisce il principio del decentramento amministrativo. Essa ha delineato un tipo di regionalismo definito “garantista”, volto a salvaguardare la sfera delle competenze costituzionalmente riconosciuta

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Mastrorilli Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1647 click dal 18/07/2008.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.