Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le mura di Vaste

Questo lavoro si propone come obiettivo lo studio delle fortificazioni dell'antica Basta o Bausta, sito messapico corrispondente all'odierno paese di Vaste, frazione di Poggiardo in provincia di Lecce; Vaste si trova nella parte sud-orientale della penisola salentina, a pochi chilometri dalla costa adriatica. L'analisi strutturale del manufatto, inserita in un quadro critico che tiene in debito conto il più generale contesto storico-topografico, è mirata a definire e a datare le diverse fasi costruttive del circuito murario, del quale vengono precisati il percorso generale e l'articolazione nei singoli tratti. La metodologia di ricerca è caratterizzata da un approccio multidisciplinare e contestuale, che implica sia l'utilizzo della bibliografia, sottoposta ad un attento lavoro di rivalutazione, sia lo studio della documentazione inedita degli scavi effettuati lungo le mura negli anni 2003-2004 sotto la direzione scientifica del Prof. Francesco D'Andria. All'interpretazione dei dati viene dedicata tutta la parte conclusiva del lavoro; allargando lo sguardo al più ampio contesto territoriale, viene effettuata una serie di confronti fra le fortificazioni di Vaste e quelle dei centri messapici coevi. Attraverso il raggiungimento di un più profondo e coerente livello conoscitivo delle mura di Vaste si vuole offrire un contributo alla formulazione di una storia dell'architettura militare messapica. Tale contributo, che viene ad affiancare i recenti tentativi di sintesi sull'argomento, permette inoltre di effettuare nuove considerazioni, di ordine topografico, sociologico e storico in senso lato, in merito a temi come lo sviluppo dell'organizzazione spaziale dell'insediamento e del suo rapporto con il territorio circostante fra i secoli IV e III a.C.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Questo lavoro si propone come obiettivo lo studio delle fortificazioni dell'antica Basta o Bausta, sito messapico corrispondente all'odierno paese di Vaste, frazione di Poggiardo in provincia di Lecce; Vaste si trova nella parte sud-orientale della penisola salentina, a pochi chilometri dalla costa adriatica. L'analisi strutturale del manufatto, inserita in un quadro critico che tenga in debito conto il più generale contesto storico-topografico, è mirata a definire e a datare le diverse fasi costruttive del circuito murario, del quale vengono precisati il percorso generale e l'articolazione nei singoli tratti. La metodologia di ricerca è caratterizzata da un approccio multidisciplinare e contestuale, che implica sia l'utilizzo della bibliografia, sottoposta ad un attento lavoro di rivalutazione, sia lo studio della documentazione inedita degli scavi effettuati lungo le mura negli anni 2003-2004 sotto la direzione scientifica del Prof. Francesco D'Andria. All'interpretazione dei dati viene dedicata tutta la parte conclusiva del lavoro; allargando lo sguardo al più ampio contesto territoriale, viene effettuata una serie di confronti fra le fortificazioni di Vaste e quelle dei centri messapici coevi. Attraverso il raggiungimento di un più profondo e coerente livello conoscitivo delle mura di Vaste si vuole offrire un contributo alla formulazione di una storia dell'architettura militare messapica. Tale contributo, che viene ad affiancare i recenti tentativi di sintesi sull'argomento, permette inoltre di effettuare nuove considerazioni, di ordine topografico, sociologico e storico in senso lato, in merito a temi come lo sviluppo dell'organizzazione spaziale dell'insediamento e del suo rapporto con il territorio circostante fra i secoli IV e III a.C.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Paolo Ciuchini Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1493 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.