Skip to content

Basilea 2: il nuovo rapporto banca-impresa e il ruolo dei confidi

Informazioni tesi

  Autore: Sandro Del Monte
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Lino Camillo Lucianetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

A meno di anno dalla formale entrata in vigore del Nuovo Accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali delle banche, dopo che la prima scadenza del gennaio 2007 è stata prolungata a causa dell’attuazione da parte delle banche della clausola di salvaguardia prevista a livello europeo, gran parte delle imprese, specialmente quelle di piccole e medie dimensioni, dimostra di non essere ancora adeguatamente preparata ad affrontare gli effetti della nuova regolamentazione.
Negli ultimi anni, infatti, sta crescendo l’attenzione per le problematiche del rischio riconducibile a fattori quali la modifica del contesto competitivo per effetto della globalizzazione dei mercati e del processo di integrazione tra i tradizionali comparti dell’intermediazione finanziaria, l’evoluzione della regolamentazione caratterizzata dall’abbandono dei “controlli diretti” e dall’adozione del nuovo paradigma “stabilità/efficienza”, l’atteggiamento proattivo di azionisti/investitori orientati da una logica rischio/rendimento.
Basilea 2, ovvero, il “Nuovo Accordo per la vigilanza bancaria”, è la dimostrazione della tendenza all’armonizzazione e convergenza delle singole realtà nazionali verso una linea di condotta omogenea e comune a livello internazionale che riguarda non solo le banche ma anche tutte le imprese. Gli obiettivi generali che tale Accordo si propone di raggiungere riguardano:
a. promuovere la stabilità dei sistemi finanziari;
b. consentire alle banche una misurazione più completa ed accurata del rischio;
c. mantenere condizioni di parità concorrenziale tra le banche.
L’Accordo prevede alcune “regole” che le banche devono seguire nella gestione delle loro attività, identificando una serie di adempimenti da porre in essere ogni qualvolta viene effettuata una operazione di prestito. Lo scopo primario di tutti gli adempimenti che la banca deve attivare per l’erogazione di un prestito è di garantire una adeguata capitalizzazione rispetto ai rischi assunti, in particolare riguardo al “rischio di credito”. Basilea 2 impone quindi alle banche di quantificare con esattezza il rischio di credito e di analizzare attentamente le caratteristiche dei soggetti ai quali viene erogato il prestito, attenendosi strettamente alle regole predisposte dall’Autorità di Vigilanza.
L’Accordo di Basilea 2 sta spingendo, inoltre, le banche ad adottare lo strumento dei rating interni per razionalizzare i processi di erogazione e monitoraggio del credito. Il rating, ovvero la valutazione effettuata dalla banca o da un’agenzia esterna sull’impresa, viene espresso convenzionalmente da un simbolo alfanumerico che esprime, all’interno di una scala significativa, la cosiddetta probabilità di default ovvero il rischio di insolvenza di un’impresa. L’introduzione di tali strumenti comporterà un notevole impatto sull’operatività delle banche e, di conseguenza, sui rapporti banca-impresa. Infatti, uno dei motivi di maggior preoccupazione nel dibattito tra sistema bancario e sistema imprenditoriale è l’idea che un’eccessiva automazione nell’erogazione e gestione del credito possa togliere progressivamente valore alla conoscenza diretta e alla qualità del rapporto tra istituto di credito e impresa cliente, ostacolando l’accesso al credito delle imprese medio-piccole, di norma dotate di un’informativa di bilancio limitata e poco significativa. Di conseguenza, molte aziende temono che gli effetti negativi di Basilea 2 possano derivare da un utilizzo opportunistico da parte delle banche dello strumento del rating con l’obiettivo di scaricare sulle imprese le loro inefficienze.
Basilea 2 senza dubbio rappresenta una minaccia che potrebbe trasformarsi in una notevole opportunità sia per le imprese che per le banche, a condizione che entrambi gli interlocutori cambino atteggiamento migliorando la propria trasparenza e riducendo le asimmetrie informative. Da un lato, le banche dovranno fornire maggiori informazioni sui sistemi di valutazione della clientela con l’aggiunta di servizi alternativi come la consulenza sul merito creditizio, dall’altro le imprese dovranno attivare processi di comunicazione costante e potenziare la gestione finanziaria d’impresa. In altre parole occorre modificare il rapporto banca-impresa, passando da un modello di Transaction banking, riferito alla semplice transazione, ad un modello di Relationship banking, dove viene privilegiato il rapporto con il cliente in una logica di partnership.
Da ultimo, per facilitare tale rapporto, un ruolo fondamentale potrebbe essere riservato ai Confidi, organismi aventi struttura consortile o cooperativa che esercitano in forma mutualistica l’attività di garanzia collettiva di finanziamento a favore delle imprese socie o consorziate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I    Introduzione  A meno di anno dalla formale entrata in vigore del Nuovo Accordo di Basilea  sui  requisiti  patrimoniali  delle  banche,  dopo  che  la  prima  scadenza  del  gennaio 2007 è stata prolungata a causa dell’attuazione da parte delle banche  della  clausola  di  salvaguardia  prevista  a  livello  europeo,  gran parte delle  imprese, specialmente quelle di piccole e medie dimensioni, dimostra di non  essere ancora adeguatamente preparata ad affrontare gli effetti della nuova  regolamentazione.  Negli ultimi anni, infatti, sta crescendo l’attenzione per le problematiche del  rischio riconducibile a  fattori quali  la modifica del contesto  competitivo per  effetto della globalizzazione dei mercati e del processo di  integrazione tra  i  tradizionali  comparti  dell’intermediazione  finanziaria,  l’evoluzione  della  regolamentazione  caratterizzata  dall’abbandono  dei  “controlli  diretti”  e  dall’adozione  del  nuovo  paradigma  “stabilità/efficienza”,  l’atteggiamento  proattivo di azionisti/investitori orientati da una logica rischio/rendimento.   Basilea  2,  ovvero,  il  “Nuovo  Accordo  per  la  vigilanza  bancaria”,  è  la  dimostrazione della tendenza all’armonizzazione e convergenza delle singole  realtà nazionali verso una linea di condotta omogenea e comune a  livello  internazionale che riguarda non solo le banche ma anche tutte le imprese. Gli  obiettivi generali che tale Accordo si propone di raggiungere riguardano:  a.  promuovere la stabilità dei sistemi finanziari;  b.  consentire alle banche una misurazione più completa ed accurata del  rischio;  c.  mantenere condizioni di parità concorrenziale tra le banche.  L’Accordo  prevede  alcune  “regole”  che  le  banche  devono  seguire  nella  gestione delle loro attività, identificando una serie di adempimenti da porre  in essere ogni qualvolta viene effettuata una operazione di prestito. Lo scopo  primario di tutti gli adempimenti che la banca deve attivare per l’erogazione  di un prestito è di garantire una adeguata capitalizzazione rispetto ai rischi  assunti,  in  particolare  riguardo  al  “rischio  di  credito”.  Basilea 2 impone  quindi  alle  banche  di  quantificare  con  esattezza  il  rischio  di  credito  e  di  analizzare attentamente le caratteristiche dei soggetti ai quali viene erogato il 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordi basilea
banche basilea
basilea 2

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi