Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Better worry than sorry - L’ottimizzazione della struttura organizzativa del trasporto aereo e le strategie socio tecniche possono ridurre le cause degli incidenti aerei?

Questo lavoro nasce dall’esperienza personale presso la Torre di Controllo dell’Aeroporto Militare “San Giusto” della 46 Brigata Aerea e dall’esigenza di un confronto quotidiano con i sistemi e le procedure di sicurezza del Traffico Aereo. Il compito di un controllore di volo è quello di “produrre sicurezza” in condizioni di traffico aereo sempre mutevole e variegato. Tale competenza di tipo “front-line” esige la ricerca e lo studio continuo di tecniche sempre più esigenti al fine di individuare ed annullare gli errori latenti del sistema. Lo scopo di questo studio è quello di porre l’attenzione sull’evoluzione della sicurezza aerea con particolare riferimento agli human factors.
La storia delle organizzazioni complesse si è sempre misurata con il problema degli errori umani, ma i disastri sono causati da fattori umani ? O forse è la struttura organizzativa a fallire? Lo studio della risposta è il tema centrale della sociologia dell’organizzazione .E'necessario capire quali siano le ragioni soggiacenti all’errore compiuto dall’operatore “front-line” nella sua esecuzione di un compito su, o per, un “aeromobile in servizio ” per evitarne le conseguenze potenzialmente catastrofiche.
Questo lavoro vuole evidenziare sia le complessità del sistema, sia le interazioni socio-tecniche che influiscono sui meccanismi organizzativi della gestione del traffico aereo:
Il primo capitolo ripercorre le fasi cruciali della storia del traffico aereo, dal primo volo di un mezzo più pesante dell’aria fino ad arrivare alle organizzazioni moderne della gestione dei servizi di assistenza al volo. Le quali sono descritte nel secondo capitolo con particolare attenzione agli enti responsabili della fornitura dei servizi A.T.S.
Il terzo capitolo focalizza l’attenzione sulla cultura della sicurezza, ed in particolar modo sulla policy dell’AM atta alla sua diffusione. Vengono poi descritte sia le principali teorie sociologiche sulle cause degli incidenti , sia i modelli organizzativi più rappresentativi . Il pensiero moderno sulle cause degli incidenti di volo si fonda sul presupposto che gli stessi siano il risultato finale di una serie di fattori, ciascuno necessario ma di per se non sufficienti a causarli. Spesso questi fattori sono le conseguenze di decisioni fallaci presi a vari livelli nel sistema aeronautico. Alcuni sono evidenti e sono la causa ultima degli incidenti di volo; altri sono “condizioni latenti” createsi nei processi organizzativi e di supervisione. Le condizioni latenti, normalmente non percepite come pericolose, creano le condizioni favorevoli affinché un eventuale errore commesso possa evolversi inevitabilmente in incidente . Si potrebbe affermare che l’incidente sia una conseguenza diretta di queste condizioni.
Il quarto capitolo descrive i due incidenti più gravi del mondo aeronautico: Tenerife e Linate.
Il lavoro mostra come le “combinazioni altamente improbabili di eventi altamente improbabili” possano realmente accadere sfociando in catastrofi imprevedibili. Vengono altresì analizzate mancanze strutturali su tutta la filiera organizzativa: dalle responsabilità dei “colletti bianchi” fino agli errori degli operatori finali. La tragedia dell’aeroporto di Linate è un esempio lampante di incidente causato dai fallimenti del sistema organizzativo con forte impatto mediatico. L’evento di Linate è stato l’esito di un comportamento criminale; un crimine prodotto dalla fallacità del sistema organizzativo, ma anche dalla trascuratezza e dall’incuria dei vertici delle aziende del sistema aeroportuale. Ma come è possibile che una struttura il cui target aziendale è “produrre sicurezza” possa invece fallire e generare un disastro? Le molteplici cause vanno ricercate a monte della filiera analizzando tutti gli attori che partecipano nella gestione del controllo del traffico aereo e le loro interazioni nel meccanismo di gestione. Il quadro che emerge è una struttura estremamente complessa, in continuo mutamento ed in persistente esame di se stessa.
Il quinto ed ultimo capitolo non poteva che essere riservato ai dati statistici sugli inconvenienti di volo in Italia. L’esame sistematico di tutti gli eventi classificati negli archivi è determinante nell’ottica di prevenzione e di definizione delle misure idonee al miglioramento della sicurezza. Inizialmente la trattazione descrive la normativa che disciplina gli archivi di riporto; successivamente vengono esposti i vantaggi del sistema di rilevazione volontaria e le caratteristiche auspicabili per un riporto più efficiente. Seguono i dati relativi al traffico militare e civile tratti dai rispettivi archivi con particolare attenzione agli airprox e alle runway incursion civili, settori che rappresentano delle vere a proprie aree di criticità, in cui le organizzazioni devono innalzare maggiormente i livelli della sicurezza.

Mostra/Nascondi contenuto.
Tesi di laurea “BETTER WORRY THAN SORRY” L’OTTIMIZZAZIONE DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL TRASPORTO AEREO E LE STRATEGIE SOCIO TECNICHE POSSONO RIDURRE LE CAUSE DEGLI INCIDENTI AEREI? “Gestire la sicurezza è come una guerra senza vittorie finali. La lotta contro i pericoli non ha mai fine” (James Reason) Abstract This work was born from my personal experience nearby the Control Tower of the Military Airport “San Giusto” of the 46 Aerial Brigade and from the need of a daily comparison with the systems and the security procedures of the Air Traffic. The duty of an air-traffic controller is of “producing security” in a always changeable and variegated conditions of the air-traffic. This “front-line” competence exacts the search and continuous study for more and more exacting techniques in order to individualize and to annul the latent mistakes of the system. The aim of this study is to pay attention on the evolution of the air security and in particular of the human factors. The history of the complex organizations has always been measured with human mistakes problem, but are the disasters caused by human factors? Or does the organizational structure fail? The study of the answer is the main theme of the organization sociology. Human mistake is the main factor in the most part of accidents, anyway arranging that this mistake is sign of negligence or incompetence is wrong. So it’s necessary to understand which the reasons of the mistake made by the “front line” operator in his fulfilment of a work on, or for, an “airplane on duty” in order to avoid potential catastrophic consequence are.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Marco Meniero Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1003 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.