Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili attuali della tutela alla persona nel sistema della responsabilità civile

La mia tesi di laurea è un lavoro di approfondimento di durata triennale ed impronta storico- sistematica sul sistema risarcitorio della tutela dei danni non patrimoniali della persona, a partire dall'elaborazione codicistica, alla teorizzazione del danno morale fino ad approfondire nel dettaglio la nascita e l'evoluzione, tanto nella dottrina che nella giurisprudenza della figura del danno esistenziale, attraverso l'analisi dettagliata di tutte le pronuncie della Cassazione.
Inoltre la tesi si compone di una seconda parte totalmente sperimentale e innovativa che analizza il sistema della responsabilità medica, quello della responsabilità giudiziaria, quello della responsabilità all'interno dei rapporti familiari e dei rapporti lavorativi (mobbing e demansionamento) fino alla analisi comaprativa del sistema dei danni non patrimoniali tra common law e civil law .

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo I Le mobili frontiere del danno ingiusto 1.1 Premessa Nel corso di questi ultimi anni le problematiche connesse al danno alla persona, con particolare riferimento agli aspetti del danno non patrimoniale, hanno sconvolto tutti i tradizionali principi della responsabilità civile e superato i limiti giurisprudenziali del paradigma risarcitorio per venire incontro alle complesse istanze della società attuale che è in continua evoluzione. Infatti la dottrina tradizionale considerava l’uomo soltanto una entità fisica, e, pertanto aveva una concezione risarcitoria riferita esclusivamente al danno fisico; viceversa, nella società attuale, l’individuo è considerato come un’entità psicofisica in cui i due aspetti sono inscindibilmente collegati con una certa prevalenza dell’aspetto interiore. Perciò, ai fini della risarcibilità del danno tutte le menomazioni create all’individuo, che in precedenza erano interpretate solo in termini di perdita patrimoniale, nella dottrina attuale vengono lette come “pregiudizio del valore uomo”. In particolare, il 2003 è stato l’anno decisivo per la trasformazione: le

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandra Fani Contatta »

Composta da 326 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2695 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.