Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'anabolismo nel body building: metodi di integrazione e manipolazione farmacologica

Nella ricerca vengono evidenziati meccanismo d'azione, effetti, dosi e cicli di utilizzo dei vari farmaci presi in esame. Le sostanze dopanti sono usate con differenti obiettivi: amfetamine, betabloccanti, steroidi anabolizzanti androgeni, diuretici, vengono utilizzati dagli atleti per migliorare le prestazioni atletiche secondo vari punti di vista. I body builders in particolare usufruiscono delle varie sostanze dopanti in cicli farmacologici brevi o lunghi in relazione al livello di attività e all'obiettivo prefissato. Uno sguardo scientifico al mondo del doping

Mostra/Nascondi contenuto.
L’anabolismo nel body building: metodi di integrazione e manipolazione farmacologica 1 Introduzione Un prodotto medicinale è una sostanza che viene fabbricata e venduta per la somministrazione ad esseri umani o animali per scopi medicinali. Questi scopi possono essere riassunti come qualsiasi modificazione delle funzioni fisiologiche dell’organismo. Per prodotti medicinali possono quindi intendersi sia farmaci, venduti dietro presentazione di ricetta medica, come stimolanti, ormoni, diuretici e quant’altro, sia tutti i prodotti così detti da banco, usati per l’automedicazione, e che comprendono una vasta gamma di sostanze, dall’aspirina agli integratori, dai calmanti per la tosse al ginseng. La chiave di lettura di questa ricerca è l’anabolismo. Questo termine sta ad indicare l’insieme dei vari processi che porta all’accumulo, a livello cellulare, di energia potenziale, cioè all’aumento della concentrazione dei substrati energetici o anche alla sintesi proteica. Il catabolismo rappresenta il processo opposto all’anabolismo, e si esplica quindi nell’utilizzo dei substrati energetici. L’alternanza di questi due momenti si sintetizza nel metabolismo, processo che mantiene le cellule, e l’organismo in generale, nell’omeostasi, seguendo la logica di accumulo- consumo. Negli sport ad impegno fisico diventa sempre più evidente come la prestanza fisica, in particolar modo la forza, acquisti sempre maggior rilevanza. Le grandi masse muscolari sono le protagoniste di ogni giornata sportiva: l’anabolismo è ormai indispensabile. Quando una importante parte delle risorse economiche finanziarie mondiali vengono investite nei molti sport professionistici, il successo diventa l’unico scopo, che calpesta, se d’intralcio, ogni regolamento etico e sociale. Da qui nasce la ricerca farmaceutica di sostanze sempre più efficaci negli effetti fisiologici, ma anche nei suoi occultamenti e sofisticazioni. Il termine doping è utilizzato per descrivere sia l’uso di farmaci da parte di atleti che l’uso di altri metodi atti a migliorare le prestazioni o a manipolare i controlli antidoping. Ogni classe di farmaci proibiti dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) viene esemplificata da una lista di principi attivi che rientrano in quella categoria specifica. Le liste non sono omnicomprensive,

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Gabriele Gabbani Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6564 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.