Skip to content

Sport e comunicazione ambientale. Il caso Olimpiadi di Torino 2006

Informazioni tesi

  Autore: Diana Bonfanti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Relazioni pubbliche e pubblicità
  Relatore: Emanuele Invernizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Gli obiettivi principali di questo testo sono affrontare il tema della comunicazione ambientale e dimostrare come il grande interesse nei confronti della tutela e della salvaguardia dell’ambiente abbia assunto un ruolo di primaria importanza nella programmazione e nell’organizzazione di grandi eventi sportivi. In particolare questa trattazione analizza il caso dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006 che hanno ottenuto la medaglia verde grazie a politiche e iniziative volte alla protezione del territorio Olimpico e a lasciare all’intero mondo sportivo un’eredità di linee guida utili per un’efficace e sostenibile gestione dei grandi eventi.
La tesi si suddivide in tre capitoli.
Nella prima parte si introduce il tema della comunicazione ambientale, partendo da una sua definizione e arrivando ad analizzare e descrivere le caratteristiche che la contraddistinguono da tutti gli altri servizi delle Relazioni Pubbliche. La comunicazione ambientale ha conosciuto un grande sviluppo a partire dagli anni Ottanta, anni in cui inizia a diffondersi la consapevolezza che l’ambiente sia una realtà da preservare e difendere. Se da una parte, infatti, l’opinione pubblica risulta sempre più sensibile alla qualità ambientale dei prodotti, dall’altra le istituzioni, le imprese e le organizzazioni sono più consapevoli della loro responsabilità sociale e reputano l’ambiente un aspetto che può rivelarsi vantaggioso non solo in termini di immagine, ma anche di posizionamento competitivo. Alla comunicazione ambientale è affidato un duplice ruolo: far conoscere e approvare il progetto che l’impresa desidera realizzare, e trasmettere la cultura dello sviluppo sostenibile sia all’interno sia all’esterno dell’impresa stessa. Per raggiungere quest’ultimo obiettivo occorre coinvolgere la popolazione e i dipendenti, aumentarne la consapevolezza e spronarli a adottare comportamenti più virtuosi e più responsabili nei confronti dell’ambiente. Il maggior interesse per lo sviluppo sostenibile trova conferma nell’approvazione e nella diffusione del sistema Ecolabel (1992) e, soprattutto, di due importanti strumenti volontari atti a tenere sotto controllo tutte le fasi della produzione, a minimizzare i problemi e a supportare la comunicazione ambientale con l’adozione di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA): il regolamento Emas (2001) e la norma ISO 14001 (1996).
Dopo aver inquadrato i contenuti, gli strumenti, le caratteristiche e individuato gli stakeholder della comunicazione ambientale, il secondo capitolo mira a evidenziare lo stretto legame che si stabilisce tra Sport e Ambiente, legame riconosciuto anche dal Comitato Internazionale Olimpico (CIO) che considera l’Ambiente il terzo pilastro dell’Olimpismo, insieme a Sport e Cultura. Il capitolo si apre con una breve analisi della storia delle Olimpiadi Invernali, seguita dalla descrizione dei valori Olimpici quali la fratellanza, il fair play e la competizione. Per diffondere questi valori, il Movimento Olimpico ha adottato tre simboli universalmente conosciuti: la bandiera raffigurante i cinque cerchi, la fiamma Olimpica e il motto Olimpico “Citius, Altius, Fortius”. Torino 2006 ha deciso di sintetizzare e sottolineare i valori e lo spirito che caratterizzano questa edizione italiana dei Giochi della neve attraverso il claim “Passion lives here”, la scelta del logo e delle mascotte ufficiali Neve e Gliz. Nell’ultima parte del capitolo ci si sofferma sul ruolo che le attività e le iniziative programmate in ambito ambientale dal Comitato Organizzatore hanno avuto nel decretare il successo della candidatura di Torino. Torino 2006 ha dimostrato la propria volontà di prevenire e gestire i possibili impatti negativi derivanti dalla costruzione di impianti e infrastrutture fin dalle prime fasi di progettazione e organizzazione. I criteri specifici per la localizzazione e la realizzazione delle opere sono descritti nella Green Card che costituisce il documento più importante del dossier di candidatura di Torino e delle sue valli.
Il terzo ed ultimo capitolo, infine, si focalizza sulle iniziative e sugli strumenti di comunicazione ambientale sviluppati da Torino 2006. Con questi il TOROC (Comitato Organizzatore dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006) ha cercato di coinvolgere non solo gli interlocutori interni al Comitato stesso, ma anche e soprattutto quelli esterni (opinione pubblica, comunità locali, associazioni ambientaliste, enti di controllo, ecc.). Tutti i progetti avviati dal Comitato Organizzatore sono stati ideati e pianificati con l’intento di diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile e del rispetto dell’ambiente, e informare i propri stakeholder sugli interventi tesi a minimizzare i possibili effetti negativi derivanti dalle sue attività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
SINTESI Gli obiettivi principali di questo testo sono affrontare il tema della comunicazione ambientale e dimostrare come il grande interesse nei confronti della tutela e della salvaguardia dell’ambiente abbia assunto un ruolo di primaria importanza nella programmazione e nell’organizzazione di grandi eventi sportivi. In particolare questa trattazione analizza il caso dei XX Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006 che hanno ottenuto la medaglia verde grazie a politiche e iniziative volte alla protezione del territorio Olimpico e a lasciare all’intero mondo sportivo un’eredità di linee guida utili per un’efficace e sostenibile gestione dei grandi eventi. La tesi si suddivide in tre capitoli. Nella prima parte si introduce il tema della comunicazione ambientale, partendo da una sua definizione e arrivando ad analizzare e descrivere le caratteristiche che la contraddistinguono da tutti gli altri servizi delle Relazioni Pubbliche. La comunicazione ambientale ha conosciuto un grande sviluppo a partire dagli anni Ottanta, anni in cui inizia a diffondersi la consapevolezza che l’ambiente sia una realtà da preservare e difendere. Se da una parte, infatti, 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi