Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dibattito sul finanziamento pubblico dei partiti

Il lavoro ha come suo obiettivo quello di analizzare il dibattito che si è avuto in Italia sul problema del finanziamento pubblico dei partiti. Questa analisi sarà condotta utilizzando le proposte di legge, il dibattito parlamentare, e i provvedimenti approvati in materia.
Saranno presentate le posizioni delle forze politiche sostenute nei dibattiti, analizzati i disegni di legge, e i tre referendum abrogativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 PREMESSA Tancredi … aveva dinanzi a sé un grande avvenire … Per fare questo gli mancava soltanto una cosa: i soldi; di questi Tancredi non n’aveva, niente. E per farsi avanti in politica, adesso che il nome avrebbe contato di meno, di soldi n’occorrevano tanti: soldi per comperare i voti, soldi per far favore agli elettori, soldi per un treno di casa che abbagliasse. Tommasi di Lampedusa, Il Gattopardo Sono passati più di trenta anni dall’istituzione del finanziamento pubblico dei partiti, ma la questione resta ancora lontana dall’essere risolta. Intrisa di ipocrisia e da atteggiamenti a volte qualunquistici, altre volte demagogici, il problema di sé e come finanziare i partiti resta una spinosa questione della nostra democrazia. Resta immutato nel pensiero del cittadino comune il rifiuto di dover dare dei soldi ai partiti e ai politici, di qualsiasi schieramento, di qualsiasi colore politico, e connaturazione ideologica. “Rossi o neri è la stessa cosa” verrebbe da dire, se il problema fosse di decidere che tra i due schieramenti è stato immune dal fenomeno della corruzione e del finanziamento illecito, o ha mantenuto in tutti questi anni le “mani pulite”, in una situazione nella quale un po’ tutti si davano da fare. Ma mancheremo di onestà intellettuale se dovessimo accettare il ragionamento secondo il quale “la politica è tutta sporca e non vale la pena darle nemmeno un soldo”. Sono proprio questi tipi di ragionamenti che fanno male alla democrazia, soprattutto in chi crede che questa non possa esistere senza partiti e ideologie politiche. Il problema del

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Carbone Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1577 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.