Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

“La forma dell’acqua” tra lingua e dialetto

Analisi linguistica di un testo in prosa attraverso un DBT

Mostra/Nascondi contenuto.
1 § 1.1.2 Aspetti letterari Il successo dello scrittore Camilleri è legato all’innovazione linguistica, alla forma ibrida e miscidata di lingua e dialetto presente in tutte le opere; essa si configura come scelta stilistica. Il dialettalismo, presente in tutte le opere, esprime attraverso la localizzazione geografica una forte caratterizzazione sociale e culturale. L’autore non ha alcun intento innovatore nei confronti della “lingua letteraria”; l’introduzione del vernacolo, elemento esteriore facilmente individuabile, riveste un ruolo meramente strumentale 1 . Infatti “in Camilleri l’impasto siculo-italiano non serve solo a verniciare le storie di colore locale” ma è un modo per “infondere vigore e brio ad una prosa che nei gialli è di solito inerte e convenzionale” 2 . La lingua dell’autore empedoclino presenta una grande eterogeneità. Essa è caratterizzata da una varietà di codici e di registri: la lingua italiana, il dialetto, la lingua miscidata (contaminazione di italiano, vernacolo e linguaggio familiare), le lingue straniere, il linguaggio aulico, il medio, il volgare, il maccheronico. Frequente è il ricorso, con intento parodistico, al linguaggio burocratico. Sempre con l’intento di far divertire il lettore lo scrittore, talvolta, indulge a un certo tipo di italiano costruito da svarioni e da deformazioni linguistiche. Tale varietà di italiano è utilizzato dagli incolti che non si rendono conto di essere tali o non se ne preoccupano. Il ricorso alla parlata dialettale è considerato dallo scrittore, oltre un omaggio alla sua terra, l’unico modo per descriverla in maniera realistica, poiché il 1 S. Demontis, I colori della letteratura, Milano, Rizzoli, 2001, p.12. 2 S. Malatesta, Montalbano Maigret di Sicilia, in “ La Repubblica”, 10 giugno 1997.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucia Sirna Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5088 click dal 28/08/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.