Skip to content

Retail marketing: il futuro del commercio fisico nell'era digitale

Informazioni tesi

  Autore: Lara Murano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Gaetano Golinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 504

Store o non-store channel? Questo è il dilemma che oggi le aziende sono chiamate a risolvere. Si tratta di comprendere quali saranno, in un futuro più che mai prossimo, le migliori politiche distributive da adottare, decidendo se continuare o meno a fare affidamento sul caro vecchio sistema dei punti di vendita. L’alternativa al tradizionale canale store è, naturalmente, l’ampia gamma dei canali non-store attualmente disponibili: vendite su catalogo, vendite telefoniche, vendite via TV e, soprattutto, il commercio elettronico (e-commerce). Secondo l’opinione di studiosi del retail, entro 5-7 anni il 40% circa delle vendite al dettaglio verrà infatti realizzato da nuovi soggetti attraverso nuovi canali, tra i quali Internet emerge prepotentemente, grazie ai suoi ritmi di crescita solo fino a poco tempo fa inimmaginabili.
L’interrogativo alla base della nostra tesi è, in estrema sintesi, il seguente: «Continueremo a fare shopping andando fisicamente per negozi o arriveremo a comprare tutto restando comodamente in casa?».
Per trovare una risposta a questa domanda, approfondiremo il tema proposto nel titolo: il Retail Marketing.
Il termine inglese retailing traduce ciò che in italiano definiamo “attività di distribuzione commerciale al dettaglio”; di conseguenza, il Retail Marketing altro non è che l’insieme delle strategie e delle tattiche di marketing attinenti alla gestione del punto vendita e mirate ad incrementarne il giro d’affari.
In merito al dilemma sulla sorte della distribuzione mediante punto vendita, anticipiamo sin da ora che è nostra ferma convinzione che il commercio fisico non soccomberà affatto sotto il peso, pur crescente, del commercio elettronico. Si assisterà, piuttosto, ad una sua profonda evoluzione, che gli permetterà di sopravvivere grazie ad una nuova capacità di attrarre il cliente nel negozio. Tale rinnovata capacità di attrazione deriva dall’acquisita consapevolezza che la competizione attraverso le merci non è più sufficiente: le armi di conquista del consumatore saranno i servizi offerti e l’ambientazione del punto vendita, più che l’assortimento di prodotti in esso contenuto.
Pericoloso attacco da parte del commercio elettronico, dunque, ma eccellente difesa da parte del commercio tradizionale .
Questa è la nostra tesi, e questo è quanto tenteremo di dimostrare nell’intero corso della trattazione, che si articola nel modo qui di seguito descritto.
La struttura generale del lavoro prevede sei capitoli, il primo dei quali è interamente dedicato al commercio elettronico, al fine di chiarire ciò che non sarà argomento centrale di analisi ma che rappresenta la più temibile alternativa al commercio tradizionale.
L’avvento della “Rete delle reti” non è affatto il primo attentato al monopolio della commercializzazione mediante punto vendita. Il fenomeno dell’e-commerce va inquadrato e studiato all’interno del più ampio contesto del non-store marketng – ovvero il marketing senza il punto vendita – categoria in cui il commercio elettronico rientra a pieno titolo, insieme a tutti gli altri sistemi di vendita affini che lo hanno preceduto: vendita porta a porta, vendite telefoniche e televisive. Dell’e-commerce descriveremo brevemente il concetto e le origini, le modalità di funzionamento, i punti di forza ed i punti di debolezza e, soprattutto, lo stato attuale di diffusione, in riferimento al nostro paese, al resto d’Europa e agli altri continenti.
Gran parte della crescita dell’emergente economia digitale avviene probabilmente a discapito dell’economia tradizionale, mediante un effetto di sostituzione. Tuttavia, nella misura in cui l’adozione del nuovo canale premia il consumatore – in termini di maggiore convenienza, comodità o altro – si aggiunge comunque valore all’economia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 Introduzione Store o non-store channel? tore o non-store channel? Questo è il dilemma che oggi le aziende sono chiamate a risolvere. Si tratta di comprendere quali saranno, in un futuro più che mai prossimo, le migliori politiche distributive da adottare, decidendo se continuare o meno a fare affidamento sul caro vecchio sistema dei punti di vendita. L’alternativa al tradizionale canale store è, naturalmente, l’ampia gamma dei canali non- store attualmente disponibili: vendite su catalogo, vendite telefoniche, vendite via TV e, soprattutto, il commercio elettronico (e-commerce). Secondo l’opinione di studiosi del retail, entro 5-7 anni il 40% circa delle vendite al dettaglio verrà infatti realizzato da nuovi soggetti attraverso nuovi canali, tra i quali Internet emerge prepotentemente, grazie ai suoi ritmi di crescita solo fino a poco tempo fa inimmaginabili. L’interrogativo alla base della nostra tesi è, in estrema sintesi, il seguente: «Continueremo a fare shopping andando fisicamente per negozi o arriveremo a comprare tutto restando comodamente in casa?». Per trovare una risposta a questa domanda, approfondiremo il tema proposto nel titolo: il Retail Marketing. Il termine inglese retailing traduce ciò che in italiano definiamo “attività di distribuzione commerciale al dettaglio”; di conseguenza, il Retail Marketing altro non è che l’insieme delle strategie e delle tattiche di marketing attinenti alla gestione del punto vendita e mirate ad incrementarne il giro d’affari. S

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi