Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione dei rapporti di fornitura nell'industria dell'arredamento: il caso del distretto di Pesaro

La tesi si sviluppa prendendo in considerazione nella prima parte la teoria economica che ha studiato i rapporti di scambio fino ai più recenti modelli di relazioni strategiche. Prosegue analizzando il distretto del mobile di Pesaro, e conclude mostrando i risultati dell'analisi empirica svolta su un campione di 32 imprese del distretto.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Lo spunto per scegliere l’argomento di questa tesi è nato dal fruttuoso lavoro di «ricerca sul campo» compiuto durante il corso di Economia dell’Impresa nell’A.A. 2000/2001, che mi ha ancora più avvicinato al tema dei rapporti tra imprese nei contesti distrettuali, ed in particolare, al tema dei rapporti di fornitura. Il presente lavoro, che riprende lo stesso argomento generale, ha per oggetto l’analisi dei cambiamenti che interessano l’organizzazione dei rapporti di fornitura delle imprese, ed in particolare, delle imprese del distretto di Pesaro. Ciò che, dal punto di vista teorico, viene descritto come il passaggio da un’economia basata sul “prezzo” ad un’economia basata sulla “creazione di valore”, ha comportato, e comporta tutt’ora, significativi risvolti anche per l’attività di approvvigionamento e per i rapporti con i fornitori. Emerge così la questione strategica legata alla gestione dei fornitori, che vengono selezionati e classificati tendo conto delle caratteristiche dei beni o servizi che offrono e delle loro capacità e conoscenze, anche potenziali, rispetto a quelle del committente. Le

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Montoni Contatta »

Composta da 208 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 725 click dal 05/09/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.