Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prestazioni del ricevitore W-Cdma per Umts con codificazione di canale

Il lavoro presentato si inserisce in un contratto di collaborazione tra la TELITAL S.p.A. ed il Dipartimento INFOCOM dell’Università di Roma “La Sapienza”, avente l’obiettivo di studiare apparecchiature terminali per sistemi radiomobili di terza generazione. In tale ambito è stato prodotto un software completo, che permette di analizzare le prestazioni del ricevitore, valutando gli errori in ricezione in termini di Bit Error Rate (BER) in funzione del rapporto segnale-rumore SNR (Signal to Noise Ratio).

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione CAPITOLO I 5 CAPITOLO I - INTRODUZIONE Le previsioni sulla domanda di servizi di telecomunicazioni con terminali mobili hanno messo in luce l’esigenza di predisporre sistemi che, a partire dai primi anni del Duemila, siano in grado di fornire efficacemente servizi per comunicazioni multimediali mediante trasmissioni dati fino a 2 Mbit/s, e che risultino essere più flessibili nonché maggiormente adattabili alle esigenze del singolo utente. Per soddi- sfare questa domanda, da alcuni anni, l’ITU (International Telecommunication Union), l’ETSI (European Telecommunications Standards Institute), l’ARIB (Asso- ciation of Radio Industries & Business), gli Enti di normalizzazione americani ed a- siatici e l’UMTS Forum (Universal Mobile Telecommunications System Forum), hanno avviato studi preliminari con l’obiettivo di definire le tecniche più appropriate per realizzare sistemi radiomobili di “terza generazione”. Recentemente, allo scopo di armonizzare su scala mondiale le differenti proposte elaborate dai suddetti enti, è stato creato un organismo di Standardizzazione chiamato 3GPP (3rd Generation Partnership Project), In particolare, l’ITU ha in programma di definire l’IMT 2000 (Internatio- nal Mobile Telecommunications 2000), costituito da una famiglia di sistemi caratte-

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alfredo Pescosolido Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2225 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.