Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piano di comunicazione della Regione Puglia 2008 - Strumento di comunicazione pubblica e trasparenza amministrativa

La tesi di laurea sperimentale ha avuto come obiettivo l’esplorazione delle possibilità di partecipazione sociale e cittadinanza attiva attraverso il seguente percorso logico:
-studio del concetto di comunicazione pubblica ed analisi della sua evoluzione nella trasformazione del rapporto pubblica amministrazione – cittadini (il paradigma bipolare e i modelli di amministrazione condivisa e di sussidiarietà, il valore strategico della comunicazione interna e le nuove frontiere teoriche);
-studio del concetto di trasparenza amministrativa e nuove possibilità di cittadinanza attiva offerte dalle nuove tecnologie; la pubblicità e la pubblica amministrazione;
-Storia della comunicazione pubblica e della trasparenza amministrativa in Italia dallo Statuto Albertino ai giorni nostri, corredata di una analisi puntuale di ogni più piccolo avanzamento normativo avutosi in materia, dalle prime disposizioni contenute in norme non specificatamente dedicate al tema della comunicazione, passando per la legge n. 150/2000 (di cui ho fornito una lettura approfondita, esaltandone gli elementi innovativi ma ponendo in risalto anche i limiti sostanziali) fino alle ultime novità;
-Introduzione del piano di comunicazione, documento di pianificazione strategica previsto dal testo unico in materia di comunicazione, disposizione n. 150/2000, come strumento di comunicazione pubblica e trasparenza amministrativa. Esplorazione della sua essenza concettuale, della sua più intima relazione con il concetto di democraticità e della metodologia di composizione.;
-Studio e analisi critica del Piano di Comunicazione della Regione Puglia del 2007, per la penetrazione dell’identità dell’Ente Regione Puglia e valutazione dei punti di forza e di debolezza del documento stesso;
-Redazione del Piano di Comunicazione della Regione Puglia per il 2008, cuore del mio lavoro di tesi sperimentale, steso in collaborazione con il Settore Comunicazione Istituzionale della Regione Puglia.Il Piano di Comunicazione 2008 della Regione Puglia pianifica le azioni di comunicazione che la stessa intende porre in essere per l’anno di riferimento, nell’obiettivo strategico di sistema fondamentale di proporsi come promotrice di un nuovo modello amministrativo regionale che, orientato all’informazione e alla comunicazione e attraverso lo sviluppo dell’innovativo strumento della comunicazione circolare, ne serva di qualità elevata al cittadino, rendendone così possibile l’effettiva partecipazione alla gestione della cosa pubblica, presupposto imprescindibile per la costruzione di un sistema di governo che sia realmente democratico. La Regione Puglia persegue il fine della limitazione della distanza esistente tra l’istituzione regionale e il cittadino, considerabile come una sorta di macro-obiettivo di livello superiore, inglobante al suo interno i successivi strategici di sistema di livello inferiore:
* ripensare la comunicazione come strategia amministrativa, come il perno attorno al quale possa ruotare tutta la sua politica pubblica, in grado di ispirare e governare la sua attività da monte a valle;
* garantire concretamente il diritto d’accesso e realizzare la cessione del potere d’informazione;
* promuovere l’immagine dell’amministrazione regionale a livello locale, nazionale ed internazionale allo scopo di favorire e migliorare la percezione sociale dell’identità regionale e stimolare senso d’appartenenza e predisposizione ad una azione di co-amministrazione, razionalizzando le spese attraverso un unico sistema integrato di comunicazione.
L’obiettivo sostanziale di comunicazione che la Regione Puglia ha deciso di perseguire è la costruzione di una comunicazione che sia realmente di servizio al cittadino, da ottenere attraverso una serie di obiettivi di comunicazione organizzativa più specifici:
* formalizzazione normativa del nuovo modello amministrativo ispirato alla logica e al valore della comunicazione;
* adozione di una nuova struttura e metodologia organizzativa interna;
* maturazione di una nuova cultura amministrativa e una nuova consapevolezza identitaria interna;
* sviluppo di una coerente politica di comunicazione integrata tra la Regione Puglia e i cittadini e gli stakeholders regionali in generale;
* realizzazione di un sistema di flussi di comunicazione interna/esterna incentrato sull’intenso utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
* azioni previste per la gestione dei rapporti istituzionali tra la Regione Puglia e i media;
* formazione e valorizzazione del personale impegnato nelle attività di informazione e comunicazione;
* azioni previste per la riconducibilita' della comunicazione istituzionale dell'intera regione a un unico sistema integrato di comunicazione;
* ottimizzazione delle risorse finanziarie.
Centrale, infine, l’attenzione posta nel Piano al ruolo della valutazione, momento di verifica delle azioni poste in essere, di bilancio, di conoscenza e di miglioramento delle proprie prestazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA‟ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE SOCIALE, ISTITUZIONALE E POLITICA TESI DI LAUREA IN COMUNICAZIONE POLITICA IL PIANO DI COMUNICAZIONE 2008 DELLA REGIONE PUGLIA STRUMENTO DI COMUNICAZIONE PUBBLICA E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA Relatore: Chiar.mo Prof. Dott. Eugenio IORIO Laureanda: Anna Carmela Cefola ANNO ACCADEMICO 2006/2007

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Anna Carmela Cefola Contatta »

Composta da 331 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3049 click dal 16/09/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.