Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo spettacolo della leggerezza. Arte e teatro nella prima stagione di Aldo Palazzeschi

In tutto l'itinerario artistico di Aldo Palazzeschi è possibile rintracciare alcune componenti cosiddette "teatrali" a partire dalla consistente presenza di dialoghi e battute. Palazzeschi sembra operare una costante mise en scène per cui dischiude un immaginario sipario e ci pone dinanzi ad un mondo rarefatto e astorico, un mondo che lui stesso ha allestito scenograficamente creando, al pari di un teatro, due spazi distinti e contapposti: quello degli attori e quello degli spettatori.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo primo DAL TEATRO ALLA POESIA: L’ATTORE E LO SPETTATORE 1.1 L’«ATTORE MANCATO» ALDO GIURLANI La parabola artistica del giovane Giurlani è caratterizzata dalla presenza più o meno manifesta del teatro che, insinuatosi nella sua vita fin dalla giovinezza, si trasformò in passione spontanea, interiore, fino a consacrarsi a vero e proprio mestiere, seppure di breve durata, ma destinato a costituirsi come pietra miliare per la successiva esperienza artistica a tal punto da permeare i suoi prodotti letterari in versi e in prosa. Passione sviluppatasi già a quattro anni quando aveva assistito col padre ad uno spettacolo al circo equestre e in seguito alla rappresentazione de Il Trovatore e Il Padrone delle ferriere. Fin dall’inizio il teatro costituì la possibilità di evadere dalla pressante norma domestica che lo spingeva verso gli studi commerciali. Del resto, come apprendiamo dall’inserto intitolato Attore mancato che si colloca in posizione centrale nella prosa autobiografica de Il piacere della memoria, anche il padre era un appassionato di teatro, concepito come unico svago, unico momento di ricreazione ed elevazione dello spirito in un’esistenza fatta di sacrifici e rinunce, teatro che aveva rappresentato la sua “università” dopo l’abbandono degli studi per un lavoro di immediato profitto e dal quale aveva imparato a conoscere passioni, vittorie, sconfitte, storie di popoli. Lo scrittore vede in lui “un uomo di vasta umanità e di pronta, generosa

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rosangela Fracchiolla Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1380 click dal 16/09/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.