Skip to content

Leptina: un possibile target per lo sviluppo di nuovi farmaci anti-obesità

Informazioni tesi

  Autore: Melina Galati
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze della Nutrizione
  Corso: Scienze e tecnologie farmaceutiche
  Relatore: Luigi Antonio Morrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

L’obesità è certamente un problema di salute in continua crescita, che causa complicazioni come ipertensione, diabete mellito di tipo 2 e aterosclerosi, che a loro volta causano problemi di cuore ischemico, infarto e morte prematura.
Non e’ stato ancora chiarito quali siano i meccanismi alla base dell’obesità che spesso viene considerata una semplice patologia da errato stile di vita, causata da eccessiva introduzione di cibo e/o ridotta attività fisica. Tuttavia, sebbene questi fattori abbiano una grande influenza sull’aumento di peso, recenti ricerche indicano fortemente che la variante genetica potrebbe essere di eguale importanza per lo sviluppo sia dell’obesità che delle relative complicazioni. Quale sia, però, l’effettiva importanza dei fattori ereditari nell’obesità è tuttora in fase di dibattito. Durante gli ultimi dieci anni, l’attenzione si è focalizzata sull’identificazione di quei geni che contribuiscono all’insorgenza dell’obesità e sul loro specifico meccanismo d’azione. La scoperta di un’importante proteina, la LEPTINA, e dei suoi recettori ha dunque aperto una nuova fondamentale strada per la ricerca sull’obesità.
La leptina è un peptide di 167 amminoacidi codificato dal gene ob e prodotto esclusivamente nel tessuto adiposo. La sua assenza conduce all’obesità i topi che presentano mutazioni genetiche a carico del gene ob, i quali sviluppano inoltre iperfagia, iperglicemia, iperinsulinemia ed insulino-resistenza, ipotermia ed infertilità.
I livelli di leptina sono direttamente correlati alla quantità di grasso corporeo, suggerendo che essa funziona da segnale in grado di informare il cervello riguardo i depositi di grasso presenti nell’organismo.
Il recettore della leptina è appartiene alla famiglia dei recettori per le citochine. Difetti genetici a carico di questo recettore possono provocare l’insorgenza, oltre che dell’obesità, anche del diabete.
I recettori della leptina sono largamente distribuiti sia a livello del cervello che in moltissimi tessuti periferici, suggerendo che questo peptide è in grado di fornire informazioni circa i depositi di grasso, coprendo un raggio d’azione estremamente ampio.
Sebbene l’obesità umana non possa essere attribuita esclusivamente alla ridotta attività delle leptina, le conoscenze ottenute dai modelli animali possono aiutare e favorire lo sviluppo di nuove terapie farmacologiche per il trattamento di questa patologia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’obesità è certamente un problema di salute in continua crescita, che causa complicazioni come ipertensione, diabete mellito di tipo 2 e aterosclerosi, che a loro volta causano problemi di cuore ischemico, infarto e morte prematura. Non e’ stato ancora chiarito quali siano i meccanismi alla base dell’obesità che spesso viene considerata una semplice patologia da errato stile di vita, causata da eccessiva introduzione di cibo e/o ridotta attività fisica. Tuttavia, sebbene questi fattori abbiano una grande influenza sull’aumento di peso, recenti ricerche indicano fortemente che la variante genetica potrebbe essere di eguale importanza per lo sviluppo sia dell’obesità che delle relative complicazioni. Quale sia, però, l’effettiva importanza dei fattori ereditari nell’obesità è tuttora in fase di dibattito. Durante gli ultimi dieci anni, l’attenzione si è focalizzata sull’identificazione di quei geni che contribuiscono all’insorgenza dell’obesità e sul loro specifico meccanismo d’azione. La scoperta di un’importante proteina, la LEPTINA, e dei suoi recettori ha dunque aperto una nuova fondamentale strada per la ricerca sull’obesità. La leptina è un peptide di 167 amminoacidi codificato dal gene ob e prodotto esclusivamente nel tessuto adiposo. La sua assenza conduce all’obesità i topi che presentano mutazioni genetiche a carico del gene ob, i quali sviluppano inoltre iperfagia, iperglicemia, iperinsulinemia ed insulino-resistenza, ipotermia ed infertilità. I livelli di leptina sono direttamente correlati alla quantità di grasso corporeo, suggerendo che essa funziona da segnale in grado di informare il cervello riguardo i depositi di grasso presenti nell’organismo. Il recettore della leptina è appartiene alla famiglia dei recettori per le citochine. Difetti genetici a carico di questo recettore possono provocare l’insorgenza, oltre che dell’obesità, anche del diabete. I recettori della leptina sono largamente distribuiti sia a livello del cervello che in moltissimi tessuti periferici, suggerendo che questo peptide è in grado di fornire informazioni circa i depositi di grasso, coprendo un raggio d’azione estremamente ampio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alimentazione salute
anti obesità
cira obeso
cure obesi
obesità
pillole dimagranti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi