Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La periferia parigina: analisi delle variazioni linguistiche del francese nella lingua dei giovani e degli immigrati

LA PERIFERIA PARIGINA: analisi delle variazioni linguistiche del francese nella lingua dei giovani e degli immigrati
Dopo una breve introduzione sulla periferia parigina e il plurilinguismo, la tesi presenta l'utilizzo della lingua francese da parte degli immigrati analizzando il mantenimento totale o parziale delle lingue d'origine. Inoltre, analizza l'uso dei parlati giovanili, come il verlain, e di altre varietà linguistiche, come l'argot.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 - INTRODUZIONE: 1) Obiettivi della ricerca: L’esperienza Erasmus svolta a Parigi mi ha permesso di vivere nove mesi a contatto con una lingua ben diversa da quella studiata fino ad ora all’università. Il francese standard, lingua ufficiale della nazione, è ben diverso dalla lingua che troviamo recandoci nel paese, vivendo a contatto con le persone che vi abitano. Le variazioni linguistiche di questa lingua che si possono incontrare sono molteplici; il francese di tutti i giorni riunisce in sé il francese familiare, quello popolare, le varietà della lingua scritta e di quella parlata. In periferia inoltre, entrano in gioco in forma massiccia anche le lingue d’immigrazione, da una parte, e le pratiche linguistiche giovanili, come l’argot e il verlan, che contribuiscono a far apparire questa lingua come praticamente sconosciuta, agli occhi di uno straniero, che ha studiato la lingua e arriva nel paese per metterla in pratica. La mia ricerca mira dunque a presentare le variazioni linguistiche del francese in un ambiente molto fertile, come quello della periferia parigina, in particolare la periferia nord. Luogo di residenza di molti immigrati, nonché di molte gangs giovanili, la periferia rappresenta la non integrazione, oltre al luogo dove meglio si possono osservare e studiare le pratiche linguistiche differenti dal francese standard. Analizzando il fenomeno dell’immigrazione in questa zona, mi sono servita di un primo questionario per presentare in modo più dettagliato i contatti e le interazioni tra le diverse lingue degli immigrati con il francese, e di un secondo questionario per analizzare invece le pratiche linguistiche giovanili e le modificazioni che esse apportano alla lingua del Paese. Di fronte a questi cambiamenti, un Paese così attento all’influenza delle altre lingue e alla corruzione della propria non può non reagire. La Francia è uno Stato che ha sempre combattuto per difendere ed espandere la propria lingua nel mondo, stabilendo politiche linguistiche precise a favore del francese. Oggi invece come sta reagendo nei confronti di queste due “corruzioni”? L’inglese non è più la sola lingua da cui il Paese deve difendersi, il problema da affrontare oggi è rappresentato, in particolar modo, dalle lingue d’immigrazione, che necessitano di

Laurea liv.I

Facoltà: Interfacoltà: Scienze politiche e Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Beretta Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6012 click dal 18/09/2008.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.