Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La disciplina comunitaria sulla pubblicità ingannevole

Il lavoro della presente tesi è volto ad analizzare l'insieme delle norme che tendono a disciplinare il fenomeno pubblicitario partendo da una ricostruzione di carattere storico relativa ai prodromi della normativa comunitaria per arrivare a quella che costituisce la vera disciplina in materia di pubblicità ingannevole, ovvero la Direttiva n. 450/84/CEE per poi concludere con la normativa italiana in materia di pubblicità ingannevole.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La pubblicità e l’attività promozionale costituiscono oggi giorno strumenti di cui le imprese si avvalgono per influenzare la clientela nell’acquisto di un determinato bene o servizio. Per vendere un prodotto non basta infatti realizzarlo, dargli un prezzo ed immetterlo sul mercato, ma si rivela necessaria ed imprescindibile una campagna pubblicitaria che miri ad avvalorare ed esaltare le caratteristiche del bene reclamizzato affinché il consumatore lo preferisca rispetto ad altri. Le imprese e le attività commerciali cercano di acquisire nuovi clienti non solo attraverso l’offerta di beni di qualità migliore e a prezzi più convenienti, ma anche e soprattutto attraverso la comunicazione di un’immagine dei propri prodotti che li distingua positivamente da quelli della concorrenza. Come noto, la comunicazione promozionale conosce diverse tipologie di pubblicità aventi tutte risvolti giuridici, sociali ed economici, la cui distinzione spesso poggia sulle diverse tecniche adottate, sui soggetti cui esse si rivolgono nonché sul veicolo promozionale utilizzato in concreto (si pensi alla pubblicità ingannevole che a sua volta ricomprende quali sub species la pubblicità occulta e la pubblicità subliminale, alla pubblicità sleale e alla pubblicità comparativa), cosicché si è ritenuto necessario operare una delimitazione del campo d’indagine, al fine di compiere un’analisi quanto più dettagliata e non dispersiva. Con la presente tesi, in particolare, s’intende focalizzare l’attenzione sulla pubblicità ingannevole, cioè quella tipologia pubblicitaria idonea a trarre in errore i consumatori, chiamata a svolgere un ruolo determinante sulla decisione di questi ad acquisire i prodotti reclamizzati piuttosto che

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Goi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3262 click dal 17/09/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.