Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concussione

L'elaborato approfondisce l'aspetto storico e giuridico del reato di concussione, analizzato in relazione ai diversi cambiamenti sociali avvenuti nel nostro paese; di tale reato si vuole sottolineare l'importanza nel regolare i rapporti tra privati e soggetti investiti di pubblici funzioni e , dunque, ogni aspetto della vita quotidiana.
Inoltre si prendono si considerazione tutti i progetti di riforma che hanno interessato l'art. 317 c.p. e si evidenziano eventuali strade percorribili per una trasformazione e/o eliminazione dello stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Nel circuito del dibattito penalistico contemporaneo, il tema dei reati dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione riscontra un accentuato rilievo teorico e pratico, per molteplici aspetti: le difficoltà esegetiche delle relative norme, l’imputabilità delle condotte a soggetti incardinati in settori vitali dello Stato, la frequenza statistica dei reati, la ragguardevole produzione normativa in materia. Inoltre, alla formale creazione legislativa delle disposizioni, si accompagna, ormai, un secondo e non meno importante processo di ri- formulazione giurisprudenziale, originato, oltre che dalla frequente ambivalenza dei termini linguistici utilizzati dal legislatore, anche dalla crescente complessità della società moderna, i cui riflessi comportamentali non si prestano facilmente ad essere racchiusi e disciplinati in concetti normativi secchi ed essenziali (alias generali ed astratti). Soprattutto nell’ultimo decennio, la devastante e generalizzata emersione del fenomeno “Tangentopoli” ha evidenziato, nei diversi organi statuali (politici, amministrativi, giudiziari, militari), un costante e diffusissimo fenomeno di illegalità sistemica che, finalizzato al profitto e orientato ad una strumentale perversione dello Stato sociale, ha finito per contrabbandare i diritti fondamentali dei singoli in forme tipiche di privilegio: prestazioni di tipo clientelare o comunque discrezionali, arbitrarietà nell’intervento di una burocrazia dotata di ampi poteri di scelta, risultano essere prassi ineluttabili del sistema amministrativo Italiano.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Viviana Di Palma Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4608 click dal 17/09/2008.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.