Skip to content

Variazioni frontali e correlazioni climatiche dei ghiacciai del gruppo dell'Ortles-Cevedale negli ultimi trenta anni: un esempio di relazioni tra dinamica glaciale recente e clima

Informazioni tesi

  Autore: Davide Andrea Ieluzzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Claudio Smiraglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 223

Lo scopo di questa tesi consiste nel mettere in evidenza i rapporti esistenti tra dinamica glaciale ed andamento del clima al fine di verificare come e quanto gli apparati del Gruppo Ortles-Cevedale abbiano risposto dapprima all’Episodio freddo (1950-1975) (Pinna, 1996) ed in seguito alla ripresa del riscaldamento atmosferico globale (seconda metà degli anni ’80 fino ad oggi). Il lavoro si inserisce in un piano di sistematica analisi degli apparati glaciali che lavori precedenti (vedi ad es. Pelfini & Smiraglia, 1992) avevano indicato come validi indicatori delle alterne vicende climatico-ambientali del nostro secolo.
Per verificare l’entità della risposta glaciale alle modificazioni del clima si è proceduto in primo luogo ad una ricerca bibliografica delle variazioni climatiche globali avvenute e delle variazioni frontali dei ghiacciai nel nostro secolo. Successivamente si è posta l’attenzione sugli apparati del Gruppo Ortles-Cevedale: si sono ricostruite le loro oscillazioni in lunghezza a partire dai dati raccolti nei “Bollettini del Comitato Glaciologico italiano” (1932 - 1977) e in “Geografia Fisica e Dinamica Quaternaria” (1977 - 1997) e si è così verificata una generale tendenza delle fronti glaciali al progresso negli anni compresi tra il 1971 ed il 1987 mentre nel periodo precedente e nel periodo successivo si è verificato un generale arretramento frontale.
E’ stato inoltre possibile confrontare i dati di variazione frontale del trentennio 1963-93 con i dati del trentennio precedente elaborati da Belloni nel volume di Desio “I ghiacciai del Gruppo Ortles-Cevedale” .
Si è inoltre operato sul terreno per poter aggiornare su carta, la fronte del Ghiacciaio dei Forni la cui misurazione risaliva al 1982. I diversi punti utilizzati, attraverso una percorrenza molto dettagliata della fronte glaciale sono state rilevati con l’ausilio di GPS (Global Positioning System) ovvero, con sistema di “posizionamento satellitare”, che permette di rilevare le coordinate planimetriche di un punto in modo assoluto e la quota ellissoidica. Dai risultati emersi dalle correlazioni tra precipitazioni e temperature con le variazioni frontali, si possono individuare i tempi di risposta, cioè il tempo che intercorre tra la causa (precipitazione o temperatura) e l’effetto (avanzata o ritiro della fronte), dei vari ghiacciai considerati. Si sono prese in considerazione in totale 8 stazioni per le temperature e 9 per le precipitazioni. Di queste è stato individuato quale per ogni apparato glaciale esaminato forniva il migliore coefficiente di correlazione con le temperature.
Nel dettaglio quindi una diminuzione della temperatura media annua di circa un grado (0.9 °C) rispetto alle medie del periodo compreso tra il 1963 ed il 1993 può aver determinato la creazione di condizioni favorevoli ad una piccola avanzata glaciale, quantizzata in 289 m con una media annua di 24.1 m, che ha avuto luogo con un sensibile ritardo rispetto al momento di inizio della fase fredda. La recrudescenza climatica in esame ha comportato una diminuzione della temperatura annua di 0.6 °C se invece si prendono in considerazione le temperatura medie dal 1924 al 1990. Questo ritardo è da attribuire al periodo di inerzia o tempo di risposta proprio di ciascun apparato glaciale. Con la fine degli anni ‘80 il clima ha subito un netto miglioramento. La temperatura media estiva è aumentata nuovamente e si è riportata a valori simili a quelli del periodo precedente l’Episodio freddo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. SCOPO DEL LAVORO Lo scopo di questo lavoro di Tesi è quello, innanzitutto, di mettere in evidenza i rapporti esistenti tra dinamica glaciale ed andamento del clima, al fine di verificare come e quanto gli apparati del Gruppo Ortles-Cevedale abbiano risposto dapprima all’Episodio freddo (1950-1975) (Pinna, 1996) ed in seguito alla ripresa del riscaldamento atmosferico globale (seconda metà degli anni ’80 fino ad oggi). Questo studio è stato effettuato attraverso un aggiornamento del lavoro svolto dal Prof. Desio sulle variazioni frontali dei ghiacciai del Gruppo Ortles-Cevedale dagli anni ’30 agli anni ’60 e dei dati climatici, temperature e precipitazioni, di alcune stazioni dello stesso gruppo elaborati dal prof. Belloni nel volume “ I Ghiacciai dell’Ortles-Cevedale” del 1968. Successivamente si sono calcolati i tempi di risposta di vari apparati glaciali, che possedevano le serie di variazioni frontali complete, attraverso l’utilizzo delle correlazioni esistenti tra i ghiacciai stessi e alcune stazioni campione, caratterizzate dalla completezza dei dati termometrici e pluviometrici. Il lavoro si è articolato in due fasi: in un primo tempo si è provveduto alla ricerca e alla raccolta dei dati inerenti precipitazioni e temperature di una serie di stazioni campione cercando dove possibile di utilizzare le stesse del precedente lavoro di Desio al fine di un immediato confronto tra i diversi periodi analizzati, in un secondo tempo si sono correlati, mediante matrici matematiche a due variabili, questi dati con le variazioni frontali di alcuni ghiacciai del gruppo. La scelta delle stazioni campione è stata fatta in modo da coprire l’intero areale del gruppo cercando, quando possibile, di utilizzare le stesse stazioni del precedente lavoro. Un altro scopo di questo lavoro di tesi è stato quello di aggiornare la cartografia riguardante la fronte glaciale del Ghiacciaio dei Forni (Alta Valtellina), che risaliva al 1982, attraverso un’opera di monitoraggio sul terreno effettuata, nell’estate del 1997, con l’ausilio di GPS (Global Positioning System).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

andamento del clima
clima
dinamica glaciale
ghiacciai
glaciologia
gruppo dell'ortles-cevedale
meteorologia
riscaldamento atmosferico globale
riscaldamento globale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi