Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La regina di Saba: rielaborazione cinematografica di un tema mitico

La tesi "La regina di Saba: rielaborazione cinematografica di un tema mitico" pone in relazione le informazioni sulla regina di Saba derivanti dall'analisi delle fonti antiche con la riplasmazione di questo personaggio nel contesto cinematografico. L'enfasi è posta sulla simbologia che si cela dietro ai vestiti (e alle nudità) presenti nei diversi film e al riferimento a figure archetipali che emergono dal loro studio.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa L’idea di affrontare il mito della regina di Saba è stata il frutto di una lunga riflessione sul tema, attinente alla simbologia del vestire, che avrei scelto per la mia tesi. Ho sempre considerato la prova finale del mio percorso universitario triennale non alla stregua di un prodotto, che una volta usato avrei buttato via. Per me quest’esperienza non doveva rappresentare una fine. Mi piaceva pensare che le nozioni apprese sia all’università che in altri ambiti (con mia sorella, con mio padre e con i miei amici si sono spesso aperti dibattiti molto interessanti), avrebbero dato vita a qualcosa di mio. Qualcosa che al tempo stesso, avrei potuto anche trasmettere ad altre persone. Così, dopo aver discusso col mio relatore diversi temi, che ahimè, per quanto fossero interessanti non mi convincevano mai del tutto, è nata un giorno l’idea di parlare della regina di Saba. Già da un po’ di tempo mi interesso alla questione femminile: mi sono cimentata nella lettura de “Il secondo sesso” di Simone de Beauvoir e ho scritto per l’esame di “Sociologia e Media” della prof.ssa Roghi un saggio sulla “rappresentazione mediatica della donna in Italia”. Avevo anche pensato di parlare della presidentessa della Liberia con riguardo al suo modo di vestire. Questo è assolutamente distante da taluni modelli stereotipati delle donne in carriera dell’occidente: Ellen Johnson-Sirleaf indossa gli abiti popolari del suo paese. Purtroppo le ristrettezze biblio-sitografiche mi hanno fatto desistere da tale idea e così ho cominciato a documentarmi sulle regine africane di tutti i

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Moda e del Costume

Autore: Sofia Manmana Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 846 click dal 30/09/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.