Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''La parola è il più efficace degli effetti speciali'': l'opera di Almodovar tra scrittura e immagini

Frutto di una personale inclinazione verso l'arte di Pedro Almodovar, questa tesi è un approfondimento sulla figura di questo cineasta, autorevole rappresentante della movida spagnola degli anni Ottanta. Elemento fondamentale è la comparazione fra l'attività cinematografica e quella letteraria di Almodovar, fra cui esistono profonde affinità sia a livello tematico che a livello formale. Il tutto è introdotto da un capitolo riguardante la movida come rivoluzione culturale, capace di cambiare profondamente cinema, arte, stili di vita.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione La scelta del soggetto di questa tesi è frutto in primo luogo di una personale inclinazione verso l’arte di Pedro Almodóvar, soprattutto verso i valori e i personaggi indimenticabili che caratterizzano il cinema del suo periodo più maturo, quello, per intenderci, di Todo sobre mi madre e di Volver. Sentimenti, caratteri, legami che si rafforzano o che si spezzano non sono mai stati espressi, secondo me, in maniera più sentita e viscerale: Almodóvar riesce a rappresentare la vita vera, a trasferire sullo schermo istinto e irrazionalità come nessun altro sa fare. Il corso tenuto dalla prof.ssa Ravasini su Almodóvar, pur essendo basato su un’analisi di tipo prevalentemente linguistico, mi ha dato la possibilità di approfondire un lato di questa figura di intellettuale considerato in genere meno importante: quello che lo vede rappresentante autorevole di un movimento culturale, la movida, che ha impregnato di sé il cinema, l’arte, ma anche il pensiero e lo stile di vita della Spagna degli anni ’80. Da semplice spettatrice non avevo valutato la versatilità della sua espressione culturale, e il fatto che Almodóvar, da buon intellettuale eclettico, si sia messo alla prova su diversi fronti, mi ha fatto pensare che sarebbe stato interessante concentrarsi sulla sua attività di “narratore”, mettendo a confronto la vasta e riconosciuta opera cinematografica con quella letteraria, sicuramente meno importante ed analizzata, ma anche, a suo modo, espressione di un mondo interiore e di una

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Caterina Lomunno Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1745 click dal 01/10/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.