Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realtà applicativa delle misure alternative alla pena e risocializzazione del reo

La genesi delle misure alternative è tradizionalmente individuata nella crisi della pena detentiva, per secoli medesima risposta a tutte le violazioni possibili della Legge Penale.
La pena detentiva della reclusione in carcere, che aveva sostituito la tortura e le pene corporali, respinte in nome dei principi umanitari e civili per spostare l’oggetto della pena dal corpo allo spirito (privazione della libertà), dopo secoli di splendore appariva come una soluzione esclusivamente afflittiva e non rieducativa, molto costosa e carente di rendimento sul piano della difesa sociale.
Nel concetto di trattamento penitenziario, comprendente le attività che regolano e assistono la privazione della libertà per l’esecuzione di una sanzione penale, rientrano le norme dirette a tutelare i diritti dei detenuti, i principi di gestione degli istituti penitenziari, le regole che attengono alle somministrazioni e prestazioni dovute ai privati della libertà .
Il legislatore, ritenuto che fino ad oggi per i reati più gravi non si è trovato un valido sostituto alla prigione, per una serie di comportamenti criminali minori, ha elaborato dei sistemi meno afflittivi, meno costosi e più utili alla rieducazione del reo ed al suo reinserimento sociale .

Mostra/Nascondi contenuto.
5 La genesi delle misure alternative è tradizionalmente individuata nella crisi della pena detentiva, per secoli medesima risposta a tutte le violazioni possibili della Legge Penale. La pena detentiva della reclusione in carcere, che aveva sostituito la tortura e le pene corporali, respinte in nome dei principi umanitari e civili per spostare l’oggetto della pena dal corpo allo spirito (privazione della libertà), dopo secoli di splendore appariva come una soluzione esclusivamente afflittiva e non rieducativa, molto costosa e carente di rendimento sul piano della difesa sociale. Nel concetto di trattamento penitenziario, comprendente le attività che regolano e assistono la privazione della libertà per l’esecuzione di una sanzione penale, rientrano le norme dirette a tutelare i diritti dei detenuti, i principi di gestione degli istituti penitenziari, le regole che attengono alle somministrazioni e prestazioni dovute ai privati della libertà 1 . Il legislatore, ritenuto che fino ad oggi per i reati più gravi non si è trovato un valido sostituto alla prigione, per una serie di comportamenti criminali minori, ha elaborato dei sistemi meno afflittivi, meno costosi e più utili alla rieducazione del reo ed al suo reinserimento sociale 2 . Sul piano giuridico questo processo si è concretizzato in due categorie di misure: da un lato, quelle sospensive della pronuncia o della pena accompagnate da speciali condizioni accettate dal soggetto e, dall’altro, quelle degli arresti domiciliari, della semidetenzione, della semilibertà e dell’affidamento in prova, che costituiscono una alternativa alla pena 1 Cfr. AA.VV., Diritti dei detenuti e trattamento penitenziario, a cura di Grevi V., Ed. Zanichelli, Bologna, 1981. 2 Cfr. Di Gennaro G., Ordinamento Penitenziario e misure alternative alla Detenzione, Ed.Giuffrè, Milano, 1991. Introduzione

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimo Giorgi Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4417 click dal 10/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.