Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I criteri di imputazione soggettiva nel diritto penale fallimentare

Si affronta la tematica dei criteri di imputazione soggettiva nel diritto penale fallimentare con riguardo al dolo eventuale e alla colpa cosciente nei reati di bancarotta semplice e bancarotta fraudolenta

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo I Le clausole generali nella responsabilità penale per omesso impedimento del fallimento. Come attestano numerosi e illustri autori del diritto dell’economia, a partire dagli anni ’70, con ritmo crescente, le crisi d’impresa non sono più fenomeni sporadici legati all’inettitudine di imprenditori e manager o a loro comportamenti dolosi o colposi, ma sono divenuti quasi notizie usuali segnalate dalla cronaca con preoccupante frequenza. Le crisi d’impresa sono divenute parte del sistema industriale ormai e purtroppo assimilate in esso in maniera definitiva. La cause di tali patologie possono cercarsi nella attuale consistente corrente di affari internazionali, negli imprevedibili sbalzi del costo del lavoro, nella repentina variazione del prezzo delle materie prime, nei fenomeni inflazionistici e nell’imponderabile mutevolezza dei sistemi economico-sociali. Dalle esperienze giurisprudenziali degli ultimi anni si può registrare una notevole difficoltà nell’individuare i criteri di un’imputazione soggettiva nelle vicende del fallimento, dovuta ad una ricerca convulsa di un “capro espiatorio” invece che il palesamento degli effettivi presupposti che hanno portato ad una simile conseguenza. Si sono riscontrati numerosi sforzi, soprattutto, nel circoscrivere l’ambito degli obblighi di controllo e dei doveri di impedimento degli organi collegiali atti a dover evitare il dissesto, specialmente nel campo del reato omissivo ed è solo negli ultimi decenni che la giurisprudenza ha faticosamente fissato dei criteri per poter individuare la sfera di applicazione dell’articolo 40 cpv. c.p. principalmente nel concorso dei sindaci nei reati commessi dagli amministratori 1 . Numerose e recenti sentenze 2 della Suprema Corte hanno dato per assodato un dato di estrema importanza: l’esistenza di 1 Vd. Pedrazzi, in Pedrazzi, Sgubbi, I reati commessi dal fallito. Reati commessi da persone diverse dal fallito. Zanichelli, Roma 1995 2 Cfr. Tribunale di Milano 16 Aprile 1988, poi anche, Cassazione 22 Aprile 1998

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Tartaglia Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2091 click dal 15/10/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.