Skip to content

Convergenza e nuovi equilibri nel Web 2.0: il caso Google-YouTube

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Schiavinato
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Comunicazione per istituzione e imprese
  Corso: Scienze della comunicazione sociale e istituzionale
  Relatore: Pierpaolo Patrucco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 174

Negli ultimi anni il settore delle ICT ha attraversato una fase di forte cambiamento strutturale che, unito agli sviluppi tecnici nel World Wide Web, ha portato alla nascita di quello che viene oggi definito il Web 2.0, caratterizzato da un alto livello di interazione fra gli utenti e nuove modalità di gestione e modifica simultanea dei contenuti. Si tratta di una vera e propria rivoluzione culturale, che ha avuto ripercussioni profonde sul tipo di approccio ai mezzi di comunicazione, oltre che sulle modalità e sui tempi di fruizione dei contenuti che essi propongono.
Così, mentre la televisione commerciale è sempre più preoccupata per l'erosione del mercato pubblicitario provocato dalle nuove forme di fruizione dei nuovi media, le principali aziende di Internet non hanno tardato a raccogliere la sfida e si preparano ora ad affrontare il fenomeno della convergenza tecnologica, che sembra destinato a mutare i rapporti fra settori fino ieri distinti.
In tale contesto, Google ha prontamente dimostrato la sua capacità di adeguarsi ai cambiamenti prima degli avversari, mettendo in atto una strategia di diversificazione a più livelli (servizi online, modelli pubblicitari, canali). Sicuramente, la strada su cui è avviato lo porterà nei prossimi anni a detenere un ruolo di leader anche nel campo della pubblicità – in Rete e non solo –, senza però dimenticare che ciò che più conta, in questo campo, è il traffico, e la ricerca resta pur sempre il principale crocevia per cui ogni utente della Rete deve passare.
Da questo punto di vista, l’acquisizione di YouTube rappresenta una mossa decisiva, anche se pagata caramente. Con YouTube, infatti, oltre ad assicurarsi uno dei siti web con il più ampio e fidelizzato bacino di utenti, Google ha anticipato la rivoluzione del consumo televisivo: molto presto è probabile che gli utenti potranno creare i propri palinsesti interamente personalizzati e questo aprirà ancora nuovi scenari per lo studio delle abitudini e dei gusti dell’utente e, dunque, per la pubblicità online, che potrà essere sempre più strettamente targetizzata.
Nel frattempo, YouTube continua ad arricchirsi di video e il suo pubblico non accenna a diminuire. È un'espansione che Google sta tentando di cavalcare offrendo ai propri utenti e partner pubblicitari sempre più servizi per diverse esigenze e sperimentando nuove forme di pubblicità che sfruttino il mezzo video senza rovinare l’esperienza dell’utente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Mountain View, California, 9 Ottobre 2006: Google annuncia di aver concluso l’accordo per acquistare YouTube, sito leader nella distribuzione di video online, per 1,65 miliardi di dollari (circa 1,30 miliardi di euro), che pagherà con l’emissione di nuove azioni. L’operazione di acquisizione, la più grossa fino a quel momento mai effettuata dal numero uno dei motori di ricerca, verrà conclusa poco più di un mese dopo, il 13 Novembre. Prima di allora, entrambe le aziende si erano sempre dette contrarie a prendere parte ad operazioni di questo genere. Google, abituata a sviluppare in proprio, aveva sempre effettuato piccole e frequenti acquisizioni, ma non sembrava interessata a spingersi oltre. YouTube, dal canto suo, aveva sempre pubblicamente espresso la ferma volontà di rimanere indipendente, nonostante facesse gola a molti colossi, tra cui Yahoo!, Microsoft, News Corporation e Viacom, tutti, secondo la stampa specializzata, interessati alla sua acquisizione. Entrambe hanno cambiato idea. Per YouTube, a ben guardare, la vendita era cosa logica, dal momento che, a poco più di un anno dalla sua nascita, la società non aveva ancora sviluppato un metodo di business efficace per “monetizzare” i suoi servizi e generare profitti, mentre doveva sostenere alti costi di immagazzinamento e distribuzione delle informazioni ed era già incorsa in problemi di violazione del copyright per alcuni video illegali presenti sul sito. Grazie alla più avanzata tecnologia di Google, in grado di immagazzinare grandi quantità di informazioni a costi molto bassi, all’amplissima rete globale di inserzionisti, i cui investimenti pubblicitari convergeranno da questo momento anche su YouTube, e alle schiere di avvocati pronti a intervenire per risolvere i frequenti problemi di violazione del copyright, YouTube potrà ora continuare indisturbata a costruire il suo successo, anche perché, secondo i termini dell’accordo, il sito dovrebbe conservare un’elevata indipendenza e autonomia rispetto al suo acquisitore, mantenendo il proprio marchio e i propri uffici. La sua sede sarà sempre a San Bruno, in California, e tutti i 67 dipendenti continueranno a lavorare nell’azienda. Per Google, la decisione di acquistare YouTube, è apparsa inizialmente meno chiara, specie se si guarda alla cifra astronomica spesa per l’operazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adsense
adwords
community
convergenza
google
privacy
pubblicità online
video online
web 2.0
web advertising
youtube

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi