Skip to content

Autonomia e subordinazione nell'esperienza recente

Informazioni tesi

  Autore: Mariangela Iurato
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Iolanda Piccinini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 226

Dalla codificazione ai giorni nostri il lavoro subordinato è rimasto formalmente identico, anche se per la sua elasticità, è stato oggetto di interpretazioni non univoche.
L’art. 2094 è rimasto invariato nella sua formulazione testuale, ma tutto il mondo giuridico ed economico che gli gira intorno è radicalmente mutato.
Questo cambiamento del contesto legislativo influisce sicuramente sulla ricostruzione della nozione di subordinazione. Innanzitutto, l’evolversi dei processi produttivi ha cambiato il modo di lavorare nell’impresa; il lavoro subordinato a tempo indeterminato non è più da solo idoneo a soddisfare le esigenze delle aziende che si misurano con la competizione internazionale. Inoltre, bisogna tenere conto di una forte tensione che si è creata tra poli opposti: da un lato, chi mira ai vantaggi economici e alle tutele che offre la subordinazione e, dall’altro, chi vuole resistere ai maggiori costi che la stessa subordinazione impone.
Il concetto di subordinazione comunemente richiamato in dottrina e in giurisprudenza ai fini della qualificazione del contratto di lavoro subordinato si ricava, tuttavia, direttamente e testualmente dall’art. 2094 c.c., il quale fornisce la definizione di prestatore di lavoro subordinato.
La questione dell’individuazione della natura del rapporto di lavoro, pertanto, è preliminare rispetto ad ogni altra, in quanto la subordinazione costituisce la chiave di accesso alla disciplina di tutela predisposta dal diritto del lavoro.
Al riguardo, l’opinione più largamente accreditata considera l’art. 2094 c.c., rubricato Prestatore di lavoro subordinato, sostanzialmente privo di una reale valenza discretiva, tale cioè da orientare l’interprete in modo netto circa la natura autonoma o subordinata di un rapporto di lavoro.
Inoltre, il particolare impianto del Codice Civile, dovuto all’influenza di fattori storici contingenti ed alla contaminazione con l’ideologia corporativa, ha indotto sia la dottrina che la giurisprudenza a svolgere un ruolo di supplenza nello sforzo di determinare dei criteri che potessero cogliere gli elementi tipici della subordinazione ed orientare, al tempo stesso, l’operatore giuridico tra i molteplici casi pratici che possono presentarsi, dando così vita ad una pluralità di posizioni dottrinali e giurisprudenziali.
Il difficile ruolo della giurisprudenza diventa quello di decidere caso per caso la disciplina applicabile ad ogni singolo rapporto di lavoro di cui sia dubbia la qualificazione giuridica. Tale principio è stato recepito dalla giurisprudenza, nel rispetto di quanto è stato stabilito dalla Corte Costituzionale nelle due sentenze: 29 marzo 1993, n. 121, e 31 marzo 1994, n. 115. La giurisprudenza si è evoluta in materia nel senso dell’adeguamento alle pronunce della Corte Costituzionale n. 121 del 1993 e n. 115 del 1994.
Secondo la Corte di Cassazione la mancanza di una qualificazione legale vincolante del rapporto richiede il raffronto tra l’attività in concreto svolta, connotata ed arricchita da ogni modalità che avesse caratterizzato il suo espletamento, con il modello (legale ex art. 2094 c.c.) dell’attività tipica di un rapporto di lavoro subordinato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Lavoro subordinato e parasubordinato, lavoro autonomo e collaborazioni a carattere continuativo o saltuario: sono molteplici le forme con cui un’attività lavorativa può essere resa, ed i confini tra le stesse non sono sempre facili da tracciare, pur essendo di estremo rilievo. Infatti, per ognuna delle varie tipologie, trova applicazione una disciplina differente, sia sul piano normativo che fiscale. Concentrando l’attenzione sull’aspetto normativo, la difficoltà di distinguere in modo preciso le diverse tipologie di lavoro dipende, in primo luogo, da una scelta del legislatore, che non ha ritenuto di specificare in modo analitico i tratti distintivi delle stesse. Il Codice Civile, che costituisce la principale fonte normativa al riguardo, si limita a qualificare in modo abbastanza generico le due principali categorie, ovvero quelle del lavoro subordinato e del lavoro autonomo. Così, l’articolo 2094 c.c. definisce lavoratore subordinato «come colui che si impegna, a fronte di una retribuzione, a prestare il proprio lavoro alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore», senza ulteriori specificazioni. Si ha, invece, un contratto d’opera, ai sensi dell’art. 2222 c.c., e quindi una prestazione di lavoro autonomo, quando ci si obbliga a rendere in prima persona un’opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio, ma «senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente». Si tratta di definizioni di carattere generale. Peraltro, è del tutto estranea alla normativa codicistica la nozione di collaborazione coordinata e continuativa, talora qualificata dalla dottrina come parasubordinazione, in virtù della prossimità al lavoro subordinato, ma da ricondursi alla più generale categoria del lavoro autonomo. È per questo che non è per nulla agevole inquadrare in modo sistematico tutti questi istituti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autonomia
diritto
lavoro
qualificazione
subordinazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi