Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'uso del videogioco come strumento di propaganda

Sempre più complessi e realistici e sempre più ispirati ad avvenimenti reali e fatti di cronaca, da semplici divertimenti i videogiochi si stanno trasformando in un media espressivamente maturo, ripercorrendo di fatto la stessa evoluzione subita da cinema nel secolo scorso.
Pubblicità e propaganda si sono accorte delle nuove potenzialità offerte dal mezzo videoludico e hanno iniziato ad includere i videogiochi tra i mezzi di persuasione a loro disposizione.
Scopo di questa ricerca è quello di offrire una panoramica del fenomeno, includendo nell’analisi sia i videogiochi più apertamente pubblicitari, a favore di un candidato o di un prodotto, che quelli che contengono messaggi più nascosti e che vogliono spingere il giocatore a supportare un’ideologia politica, una guerra o una religione.
Sono state analizzate in particolare le differenti tipologie di distorsioni nascoste all’interno della struttura del gioco e che vengono utilizzate per trasmettere, a volte in modo quasi subliminale, una determinata visione del mondo.
Negli ultimi capitoli si è dato spazio alle reazioni dell’opinione pubblica e del mondo accademico di fronte alla crescente strumentalizzazione politica dei videogiochi, nonché alle azioni di protesta individuali e collettive e al fenomeno della nascita di nuovi spazi sociali all’interno dei mondi virtuali.
Sono state infine indicate alcune linee guida per l’individuazione dei videogiochi eticamente corretti e sono state al contempo proposte alcune soluzioni per cercare di contrastare la diffusione dei videogiochi pubblicitari e di propaganda, in particolare di quelli contenenti distorsioni deliberate e non evidenti all’utente.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Estratto della Tesi Sempre più complessi e realistici e sempre più ispirati ad avvenimenti reali e fatti di cronaca, da semplici divertimenti i videogiochi si stanno trasformando in un media espressivamente maturo, ripercorrendo di fatto la stessa evoluzione subita da cinema nel secolo scorso. Pubblicità e propaganda si sono accorte delle nuove potenzialità offerte dal mezzo videoludico e hanno iniziato ad includere i videogiochi tra i mezzi di persuasione a loro disposizione. Scopo di questa ricerca è quello di offrire una panoramica del fenomeno, includendo nell’analisi sia i videogiochi più apertamente pubblicitari, a favore di un candidato o di un prodotto, che quelli che contengono messaggi più nascosti e che vogliono spingere il giocatore a supportare un’ideologia politica, una guerra o una religione. Sono state analizzate in particolare le differenti tipologie di distorsioni nascoste all’interno della struttura del gioco e che vengono utilizzate per trasmettere, a volte in modo quasi subliminale, una determinata visione del mondo. Negli ultimi capitoli si è dato spazio alle reazioni dell’opinione pubblica e del mondo accademico di fronte alla crescente strumentalizzazione politica dei videogiochi, nonché alle azioni di protesta individuali e collettive e al fenomeno della nascita di nuovi spazi sociali all’interno dei mondi virtuali. Sono state infine indicate alcune linee guida per l’individuazione dei videogiochi eticamente corretti e sono state al contempo proposte alcune soluzioni per cercare di contrastare la diffusione dei videogiochi pubblicitari e di propaganda, in particolare di quelli contenenti distorsioni deliberate e non evidenti all’utente.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Interfacoltà

Autore: Rossana Caviglioli Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3058 click dal 16/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.