Skip to content

Il marmo: dal distretto lapideo di Carrara al recupero della competitività nel mercato internazionale. Il caso empirico: Campolonghi Italia S.p.a.

Informazioni tesi

  Autore: Inga Faita
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Edoardo Staiti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 179

I prodotti italiani, tipicamente rinomati in tutto il mondo per qualità, bellezza, affidabilità ed eleganza, sono spesso associati ad uno status economico superiore, fatto di lusso, stile, sfarzo, raffinatezza, ricchezza e gusto.
Ciascuno di questi aggettivi, validi per diverse categorie merceologiche prodotte ed esportate dall’Italia, si modellano perfettamente su un particolare prodotto storicamente italiano: il marmo di Carrara.
Il bianco proveniente dalle montagne Apuane, sin dall’epoca antica, ha attirato l’attenzione di molti, per la sua purezza e per la sua duttilità nella lavorazione, contribuendo a fare di Carrara la capitale mondiale del lapideo; oggi, tuttavia questo titolo non è più valido a causa di una forte perdita di immagine e notorietà della città e della pietra stessa.
Capire il perché del tramonto della cittadina e del suo materiale rappresenta il filo conduttore di tutta l’analisi condotta in questa tesi; per questo, partendo da un semplice inquadramento storico – geografico del marmo di Carrara, ho sviluppato, capitolo per capitolo, quelle tematiche che, a mio avviso, si presentano come fondamentali per capire il complesso mondo del settore lapideo.
In particolare, in questo percorso, ho focalizzato l’attenzione sui mercati di riferimento del prodotto marmo, a livello nazionale ed internazionale, sul distretto lapideo industriale, tanto importante quanto immobile di fronte alle sfide globali, sul rapporto del comparto con l’ambiente, che impone una maggiore attenzione viste le pressioni degli attori sociali.
L’immobilismo del settore e del distretto apuano, la perdita di competitività a livello sia nazionale che internazionale, il progressivo formarsi di una coscienza ambientale, sembrano tutti elementi che ad una prima analisi, giocano a sfavore del comparto, tuttavia, studiando attentamente il valore di ogni singolo fattore e focalizzando l’interesse sulle possibili modalità di ripresa del settore, ho individuato negli strumenti di marketing un’opportunità per Carrara di tornare ad essere il punto di riferimento per il lapideo a livello globale.
L’approfondimento del marketing mix, l’analisi della S.W.O.T. a livello settoriale, distrettuale ed aziendale, lo studio delle principali strategie d’azione, come differenziazione, segmentazione del mercato e posizionamento del prodotto, rappresentano tutti elementi in grado di sostenere gli effetti derivanti dalla globalizzazione dei mercati, approfonditamente esaminati in uno specifico capitolo.
In fine, parzialmente soddisfatta dell’analisi fin qui condotta, ho deciso di applicare quanto rilevato, a livello teorico, ad un caso empirico. Lo studio, questa volta portato avanti tramite il mio inserimento come stagista, ha riguardato la più grande impresa a livello globale del lapideo, la Campolonghi Italia S.p.a., leader indiscussa in tutto il mondo e storicamente riconosciuta come punto di riferimento per chiunque voglia trarre dal marmo opere di maestosa grandiosità.
Sono dunque ripartita, questa volta però a livello aziendale, dall’analisi dei mercati di riferimento, dal rapporto tra impresa, distretto e ambiente, per poi individuare, quali strumenti, quali strategie di marketing e non, siano state implementate per rispondere alla sfida globale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Inga Serena Faita Introduzione Il marmo: dal distretto lapideo di Carrara al recupero della competitivit nel mercato internazionale. Il caso empirico: Campolonghi Italia S.p.a. 4 Introduzione I prodotti italiani, tipicamente rinomati in tutto il mondo per qualit , bellezza, affidabilit ed eleganza, sono spesso associati ad uno status economico superiore, fatto di lusso, stile, sfarzo, raffinatezza, ricchezza e gusto. Ciascuno di questi aggettivi, validi per diverse categorie merceologiche prodotte ed esportate dall Italia, si modellano perfettamente su un particolare prodotto storicamente italiano: il marmo di Carrara. Il bianco proveniente dalle montagne Apuane, sin dall epoca antica, ha attirato l attenzione di molti, per la sua purezza e per la sua duttilit ne lla lavorazione, contribuendo a fare di Carrara la capitale mondiale del lapideo; oggi, tuttavia questo titolo non Ł piø valido a causa di una forte perdita di immagine e notoriet della citt e della pietra stessa. Capire il perchØ del tramonto della cittadina e del suo materiale rappresenta il filo conduttore di tutta l analisi condotta in questa tesi; per questo, partendo da un semplice inquadramento storico geografico del marmo di Carrara, ho svilu ppato, capitolo per capitolo, quelle tematiche che, a mio avviso, si presentano come fondamentali per capire il complesso mondo del settore lapideo. In particolare, in questo percorso, ho focalizzato l attenzione sui mercati di riferimento del prodotto marmo, a livello nazionale ed internazionale, sul distretto lapideo industriale, tanto importante quanto immobile di fronte alle sfide globali, sul rapporto del comparto con l ambiente, che impone una maggiore attenzione viste le pressioni degli attori sociali. L immobilismo del settore e del distretto apuano, la perdita di competitivit a livello sia nazionale che internazionale, il progressivo formarsi di una coscienza ambientale, sembrano tutti elementi che ad una prima analisi, giocano a sfavore del comparto, tuttavia, studiando attentamente il valore di ogni singolo fattore e focalizzando l interesse sulle possibili modalit di ripresa del settore, ho individuato negli strumenti di marketing un opportunit per Carrara di tornare ad essere il punto di riferimento per il lapideo a livello globale. L approfondimento del marketing mix, l analisi dell a S.W.O.T. a livello settoriale, distrettuale ed aziendale, lo studio delle principali strategie d azione, come differenziazione, segmentazione del mercato e posizionamento del prodotto, rappresentano tutti elementi in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi