Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La caffeina: il doping illusorio? Effetti ergogenici della caffeina nelle performance degli sport olimpici

Questa tesi è la revisione scientifica di quarant'anni di studi fatti sull'alcaloide più famoso al mondo: la caffeina.
Gli effetti sulla fatica di quest'alcaloide sono ormai noti; la caffeina migliora le prestazioni sportive in particolar modo le prestazioni di resistenza ma non solo; in questo lavoro di revisione viene fatta luce sugli effetti energetici della caffeina che meno si conoscono al fine di fornire un'informazione a 360° su questo amato e allo stesso tempo odiato alcaloide.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREFAZIONE Di tutte le sostanze, droghe e spezie, che da secoli animano gli usi e i commerci degli uomini, la caffeina è senz’altro la più popolare. E’ l’unica sostanza stimolante che sia riuscita ad abbattere ogni resistenza e pregiudizio, al punto da essere liberamente prodotta, venduta e consumata ad ogni latitudine, senza vincoli e restrizioni alcune. Dalla sua scoperta, la caffeina ha stregato uomini e donne, giovani e vecchi, ricchi e poveri praticamente in ogni civiltà del mondo. E’interessante considerare il fatto che la caffeina è contenuta in piante appartenenti alle famiglie botaniche più diverse, tuttavia, quasi per istinto l’uomo ha saputo scegliere tra le medesime quelle piante che la contengono. Gli Abissini e gli Arabi usarono il caffé; gli abitanti dell’Africa Orientale la cola; i Giapponesi conobbero il tè; nel Paraguay e nell’America del Sud si imparò a conoscere il matè ed il guaranà, droghe che debbono tutta la loro azione farmacologia alla caffeina.

Tesi di Master

Autore: Bartolomeo Aquino Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3619 click dal 28/10/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.