Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo degli intangibles negli intermediari finanziari. Un’analisi empirica in un panel di banche europee

Il lavoro di tesi parte da una breve analisi storica degli intangibles, senza dimenticarne caratteristiche, definizioni e trattamento alla luce dei principi contabili (italiani e internazionali).
Il secondo capitolo si incentra, poi, sul contributo degli intangibile assets alla creazione del valore e su quanto il capitale umano, organizzativo nonché strutturale partecipino alla catena del valore. Il capitolo si conclude con un quadro dei maggiori fattori intangibili di competitività e con una panoramica delle metodologie di misurazione del capitale intangibile presenti.
Il terzo capitolo, centro di tutto il lavoro, si basa su un’analisi empirica, condotta su un panel di 37 banche europee e per il periodo 2002-2007. Attraverso l’analisi dei documenti contabili (bilanci d’esercizio, bilanci sociali) presenti sui siti ufficiali delle banche di riferimento e precisamente nella sezione Investor Relation, si è tentato di ricostruire il trattamento degli intangibles attraverso l’utilizzo del metodo ideato da Baruch Lev nel 1999 e noto come Knowledge Capital Earning.
L’analisi termina con una valutazione personale, ma basata su aspetti oggettivi, che mira a dare un giudizio alla dotazione, alla disclosure, alla definizione e alla classificazione degli intangibiles.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Come definisce l art 10 del d.lgs. n. 385/1 settem bre 1993, l attivit bancaria ha carattere d impresa . Il settore finanziario Ł stato sottoposto a recente regolamentazione; oggi rispetto al passato le banche non rappresentano piø istituzioni, ma imprese. Nella trattazione che segue si parler , per l appunto, indipendentemente di banca come di impresa. Il quesito intorno al quale ruota il lavoro di tesi Ł: quanto vale un impresa? A questa domanda siamo abituati a rispondere analizzando i bilanci contabili e con l ausilio dei tradizionali parametri di performance economici-finanziari dell organizzazione. Oggi la complessit e la turbo lenza dei mercati impongono alle imprese di innestare una marcia in piø per vincere la sfida con i concorrenti. E quindi necessario valorizzare la conoscenza e le capacit intellettuali delle persone e dell organizzazione nel suo complesso, tutti fattori che contribuiscono a formare il cosiddetto patrimonio intangibile. L intangibile oggi caratterizza qualsiasi prodotto e servizio e, quindi, determina il vantaggio per l impresa stessa . Molti studiosi e molte ricerche empiriche sostengono che il gap crescente tra valori di mercato e valori di bilancio, che caratterizza quasi la totalit delle imprese quotate, dipende proprio dal valore degli intangibili, sempre piø spesso non indicati in bilancio. Ė proprio quello della valutazione degli assets immateriali il problema maggiore; non Ł cosa semplice dare una valutazione monetaria a qualcosa che non ha consistenza fisica. Il presente lavoro di tesi analizza proprio l importanza degli intangibles con specifico riferimento agli intermediari finanziari. Nello specifico, nel primo capitolo si Ł tentato innanzitutto di ricostruire un excursus storico degli intangibili. Dalle origini al contesto attuale passando per le definizioni e le classificazioni proposte dalla letteratura. Tratto importante del primo capitolo Ł quello che fa emergere gli intangibles alla luce dei principi contabili emanati dall International Accounting Standard Board. Questi prevedono delle novit significative rispe tto alla prassi contabile comunemente adottata nella maggior parte dei Paesi, compreso il nostro, fino a pochi anni fa. La piø importante, con riferimento all avviamento, Ł l abbandono dell ammortamento sis tematico e del concetto di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia Aziendale

Autore: Bice Valentina Iacobelli Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1589 click dal 04/11/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.