Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il patto di famiglia

Lo scenario economico sociale conduce l'attenzione della collettività prima ancora che del giurista verso nuove aspettative. In tale contesto, l'internalizzazione dell'economia, l'apertura del mercato, il mutamento delle tecniche produttive richiedono soluzioni volte a mitigare le tensioni. L'introduzione del nuovo istituto del patto di famiglia nel nostro ordinamento giuridico è indice di reiterati inviti provenienti dalla comunità civile, dalla dottrina e dalla comunità europra diretti a sottolineare la rigidità del rapporto tra il sistema successorio basato sul divieto di disporre del proprio patrimonio mortis causa al fine di garantire un trasferimento della ricchezza tra le diverse generazioni in condizioni paritarie tra gli eredi e l'esigenza di garantire una trasmissione intergenerazionale della ricchezza più adatta alla sua natura dinamica.

Mostra/Nascondi contenuto.
8  INTRODUZIONE Lo scenario economico sociale conduce l’attenzione della collettività prima ancora che del giurista verso nuove aspettative. Il legislatore in grado di osservare attentamente il fluire delle leggi al cospetto della società, è indotto a operare degli interventi nel segno della ragionevolezza, abbandonando, non consoni retaggi normativi, alle mutate esigenze sociali. In tale contesto, l’internazionalizzazione dell’economia, l’apertura del mercato, il mutamento delle tecniche produttive richiedono soluzioni volte a mitigare le tensioni. L’introduzione del nuovo istituto del patto di famiglia nel nostro ordinamento giuridico è indice di reiterati inviti provenienti dalla comunità civile, dalla dottrina e dalla Comunità europea diretti a sottolineare la rigidità del rapporto intercorrente tra il sistema successorio basato sul divieto di disporre del proprio patrimonio mortis causa al fine di garantire un trasferimento della ricchezza tra le diverse generazioni in condizioni paritarie tra gli eredi, e l’esigenza di garantire una trasmissione intergenerazionale della ricchezza più adatta alla sua natura dinamica. Il patto di famiglia è sottoposto ad una ‘battaglia ermeneutica’ per la tensione tra una causa imprenditoriale e una causa familiare posto che è il frutto di una duplice esigenza: coniugare l’esigenza di una rigida conservazione del patrimonio all’interno della famiglia secondo regole di stretta eguaglianza tra gli eredi, con quella di consentire la divisione

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Teresa Giacovelli Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2608 click dal 13/11/2008.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.