Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto tra Stato e Pubblica Amministrazione

la tesi si propone di analizzare, attraverso un prospettiva diacronica, le modalità di cambiamento della pubblica amministrazione in tre modelli di stato, lo stato di diritto, il welfare state, e lo stato regolatore.
Tali cambiamenti saranno focalizzati mediante l'analisi di cinque variabili strutturali che caratterizzano l'apparato amministrativo, quali sono le funzioni, le strutture, le procedure e la razionalità decisionale, il personale e in fine la più innovativa ovvero la variabile culturale. Attraverso un analisi basata su dei circoli di retroazione la tesi cercherà di spiegare le modalità di cambiamento del rigido apparato amministrativo in relazione alla somma dei vari fattori che la compongono e della forte riforma esterna provocata dalla mutazione dell'ordinamento statale di riferimento, particolare spazio è dato alla teoria del cambiamento amminstrativo del francese Crozier e alla concezione di potere e amministrazione sviluppata da Weber.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa Nella seguente tesi è stato trattato il tema del rapporto tra stato e pubblica amministrazione, in particolare incentrando la nostra attenzione sulle modalità e i risultati del cambiamento amministrativo in virtù del cambiamento statale che funge da input per la rivoluzione amministrativa. Sostanzialmente siamo partiti dal presupposto che l’amministrazione pubblica è un’organizzazione complessa e statica nel senso che è refrattaria a accettare cambiamenti in quanto tende sempre a mantenere il suo equilibrio omeoastico e necessita di input di cambiamento forte che derivino dall’esterno per poter cambiare e assumere nuove forme. L’analisi del cambiamento, contenuta in tale tesi, cerca di captare il come siano cambiati gli apparati amministrativi analizzando le variabili più importanti quali: ξ Le funzioni ξ Le strutture ξ Le procedure e la razionalità decisionale ξ Il personale ξ La cultura Ognuna di queste variabili, come avremo modo di vedere nei capitoli successivi, muta al mutare dell’orientamento, del valore guida degli obiettivi che il nuovo ordinamento statele si propone di realizzare in virtù della sua ideologia. I tipi di stato a cui si fa riferimento sono tre: ξ Lo stato di diritto ξ Il Welfare state ξ Lo stato regolatore La tesi si divide in quattro capitoli. Il primo funge sostanzialmente da introduzione della tematica trattata, verranno presentati in modo generali il concetto di stato, di amministrazione e le cinque variabili in base a cui si analizzerà il cambiamento amministrativo per ogni tipo di stato. Il capitolo secondo è dedicato allo Stato di Diritto, e alla burocrazia classica, comprende anche qualche riferimento allo stato assoluto e all’analisi dell’origine della burocrazia.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Stefania Schiavelli Contatta »

Composta da 81 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1730 click dal 14/11/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.