Skip to content

La riforma della riscossione tributaria: D.L. 30 settembre 2005 n. 203

Informazioni tesi

  Autore: Umberto Astolfi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Roberta Rinaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

Con il D.L. 203/2005 il Governo ha apportato una modifica radicale al sistema della riscossione, sostanzialmente riattraendolo in mano pubblica .
Anteriormente a tale intervento, il sistema risultava articolato in due distinte fasi gestite da due soggetti completamente diversi fra di loro:
1. la prima, diretta alla formazione del ruolo, era gestita dai singoli enti impositori in collaborazione con il Consorzio Nazionale per i Concessionari della Riscossione (C.N.C.), ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico (anche se avente forma consortile);
2. la seconda, volta alla materiale adprehensio dell’entrata, gestita in quasi totale libertà, salvo il doveroso controllo da parte degli enti impositori, dai singoli concessionari per la riscossione, ossia da soggetti privati rispondenti a particolari caratteristiche tipologiche ed iscritti ad un particolare albo “professionale” previsto dalla L. 446/1997.
Questo sistema viene, adesso, da un lato mantenuto in ordine alla bifasicità dell’attività di riscossione e, dall’altro, completamente stravolto in quanto vengono a mutare i soggetti che ne sono attori.
L’acquisizione dell’attività da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze (segnatamente dell’Agenzia delle Entrate), che dovrà avvalersi, fra l’altro, dell’apporto del personale attualmente in servizio presso i concessionari, costituisce un evento straordinario sul piano dell’interesse collettivo.
L’architettura della riforma soddisferà le seguenti esigenze:
• attuazione di una completa e definitiva trasformazione del settore, mediante la soppressione del servizio di affidamento in concessione e la internalizzazione dello stesso da sussumere sotto l’ombrello pubblico;
• differimento dell’attuale periodo concessorio limitato ai tempi tecnici strettamente necessari per lo studio e l’attuazione della soluzione prescelta;
• assorbimento del personale, da parte dell’Agenzia delle Entrate, al fine di garantire i livelli occupazionali in essere al varo della riforma;
• sistemazione di tutte le anticipazioni effettuate dal sistema e definizione di tutte le pendenze, per consentire ai concessionari di uscire dal sistema stesso senza fardelli di negatività o carichi pregressi;
• risparmio sui costi effettivi, che lo Stato è tenuto a sopportare per la soluzione scelta;
• continuità del servizio.
In sede di Relazione Governativa si è, infatti, sostenuto che malgrado gli efficaci strumenti d'azione e di deterrenza attribuiti alle società concessionarie del servizio nazionale della riscossione con la riforma del 1999 , ha continuato a dominare, in molte di queste società, una mentalità non orientata alla massimizzazione delle riscossioni ed alla necessaria trasformazione della propria struttura organizzativa e delle proprie strategie operative in funzione di tale obiettivo.
In sostanza, la più parte delle aziende non ha risposto alle legittime aspettative di radicale cambiamento della propria cultura imprenditoriale, pur avendo avuto a disposizione, per un lasso di tempo apprezzabile (i primi due anni di applicazione della nuova normativa), un “paracadute finanziario” (la c.d. “clausola di salvaguardia”), consistente nel mantenimento, a carico dello Stato, dello stesso livello di compensi erogati nell'ultimo biennio di vigenza del precedente sistema .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA Con il D.L. 203/2005 il Governo ha apportato una modifica radicale al sistema della riscossione, sostanzialmente riattraendolo in mano pubblica 1 . Anteriormente a tale intervento, il sistema risultava articolato in due distinte fasi gestite da due soggetti completamente diversi fra di loro: 1. la prima, diretta alla formazione del ruolo, era gestita dai singoli enti impositori in collaborazione con il Consorzio Nazionale per i Concessionari della Riscossione (C.N.C.), ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico (anche se avente forma consortile); 2. la seconda, volta alla materiale adprehensio dell’entrata, gestita in quasi totale libertà, salvo il doveroso controllo da parte degli enti impositori, dai singoli concessionari per la riscossione, ossia da soggetti privati rispondenti a particolari caratteristiche tipologiche ed iscritti ad un particolare albo “professionale” previsto dalla L. 446/1997. 1 Sulla opportunità di un servizio pubblico di riscossione cfr. L. FERLAZZO NATOLI, Corso di diritto tributario, Milano 1999, pgg. 261 e ss; F. GALLO, Riscossione delle imposte dirette, in La nuova disciplina della riscossione dei tributi a cura di Loris Tosi, Milano, 1996, pagg. 81 e ss.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

d.l. 30/09/05 n. 203
diritto tributario
riforma della riscossione tributaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi