Skip to content

Azzeramento e neoconcretismo: Francesco Lo Savio

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Girotto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Nico Stringa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

La rigorosa analisi di Lo Savio sulle dinamiche di strutturazione visiva della forma, sorretta da una coscienza teorica impostata sulle componenti razionali del fare artistico, precorre in maniera notevole gli esiti formali del minimalismo americano, pur nell’evidente differenza dei presupposti poetici (così come la capacità di concretizzare e rendere tangibili i procedimenti logico-costruttivi sembra anticipare certe conquiste dell’arte concettuale degli anni settanta); lo sviluppo della sua ricerca corre lungo il filo di una graduale apertura dell’opera verso lo spazio tridimensionale, che dalle proposizioni teorico-concettuali dei dipinti monocromi, diventa conquista definitiva nelle Articolazioni totali (per poi proseguire ancora oltre, almeno a livello di spinta ideale, nella progettazione di un piano urbanistico a matrice modulare).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo primo. 1.1 La situazione post-informale. Intorno alla fine degli anni Cinquanta il minimo comune denominatore delle nuove ricerche artistiche, che iniziano ad evidenziarsi lungo l’asse Roma-Milano, sembra essere la necessità di un superamento delle problematiche legate all’informale; il convergere di molti artisti verso l’esperienza monocroma, prima ancora di qualificarsi in senso autoriflessivo e metalinguistico, si pone innanzi tutto come reazione al dominante soggettivismo materico e istintuale delle poetiche informali. L’etichetta d’informale, racchiudendo al suo interno tutta una serie di procedure operative difficilmente ascrivibili ad una sola formula, è di per sé piuttosto ambigua. Seguendo il suo significato letterale, essa sembra riferirsi ad un tipo di pittura appunto negante a priori ogni strutturazione formale, sia nei termini di rappresentazione iconica che di configurazione aniconica; difficile allora, come è stato da più parti notato, inserire in questo contesto l’opera di Burri, dove evidente appare la volontà strutturante, così come finirebbe con l’essere escluso lo stesso Fautrier, visto il permanere in superficie di residui figurativi (in Italia poi l’informale ha forti radici naturalistiche). In generale si preferisce distinguere, come fa Gillo Dorfles, finendo con l’assegnare al termine informale una valenza essenzialmente negativa 1 , tra un’arte del segno (Wols, Hartung , Tobey, Capogrossi, Accardi, ecc…) un’arte del gesto (Mathieu, Kline, Michaux, 1 Dopo aver limitato l’etichetta di informale “a tutte quelle forme di astrattismo dove non solo manchi ogni volontà e ogni tentativo di figurazione, ma manchi anche ogni volontà segnica e semantica”, Dorfles sottolinea come la discriminante stia innanzitutto nella mancanza di consapevolezza sintattica che si evidenzia in certi impasti informali: “bastava che il lembo di tela, entro i limiti della sua cornice, fosse considerato come un tutto omogeneamente strutturato in cui un'unica atmosfera tonale valeva a mantenere quell’unità di luogo e di tempo propria dei dipinti figurativi, ed ecco che tale superficie, cosparsa di macchie prive d’un significato riferito vero e proprio, veniva di colpo ad acquistarlo convertendosi in un’atmosfera significante dove ogni frammento della tela aveva la possibilità di trasformarsi in un frammento dell’universo dipinto.” In GILLO DORFLES, Ultime tendenze nell’arte d’oggi, Feltrinelli, Milano 1999, pag. 44.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte astratta
arte cinetico visuale
arte contemporanea
arte e percezione visiva
astrattismo geometrico
azzeramento
concretismo
francesco lo savio
minimalismo
neo avanguardia
storia dell'arte
strutturalismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi