Skip to content

Informatica giuridica e diritto costituzionale

Informazioni tesi

  Autore: Marco Elia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Aldo Loiodice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Le origini dell’informatica giuridica trovano il loro punto di partenza nello sviluppo dell’elaboratore elettronico. Esso risulta essere uno strumento polifunzionale: difatti è la prima macchina cibernetica finalizzata a coadiuvare l’uomo nello svolgimento di attività intellettuali, grazie ad un’ampiezza di memoria, una velocità di elaborazione ed una capacità di comunicazione per alcuni aspetti di gran lunga superiori a quelle della mente umana.
Strettamente connesso all’elaboratore elettronico è il tema legato all’intelligenza artificiale (artificial intelligence); è usualmente definita come la scienza intesa a sviluppare modelli computazionali del comportamento intelligente, e quindi a far si che gli elaboratori possano eseguire compiti che richiederebbero intelligenza da parte dell'uomo. La complessità della mente umana rappresenta però la conseguenza di una lunghissima evoluzione e difficilmente potrà essere imitata da un computer, che invece coadiuverà l'uomo in un sempre crescente numero di attività. Del resto, le teorie cibernetiche volte alla creazione di sistemi che si comportino come l'uomo, mostrano la loro fragilità nel preconcetto che tutta l’attività dell'uomo, ed in particolare il pensiero, sia algoritmizzabile.
L'applicazione automatica delle leggi ha, in ogni caso, destato 1'interesse degli studiosi del diritto ed ha costituito uno dei tre punti principali di una disciplina che si è sviluppata a partire dal 1949, quando sulle pagine del Minnesota Law Review viene pubblicato un saggio di Lee Loevinger intitolato Jurimetrics. The Next Step Forward, nel quale per la prima volta si parla di giurimetria. L'autore evidenzia, primariamente, un grave paradosso dell'epoca moderna: la legge, che dovrebbe costituire il modello di condotta dei consociati, è divenuta un così recondito mistero da risultare normalmente incomprensibile. La crescente complessità della legge confonde, dunque, i cittadini e la società diventa meno coesa.
Oggi l’informatica giuridica ha per oggetto l’applicazione della tecnologia dell’informazione al diritto. È una disciplina bifronte nella quale si intrecciano una metodologia tecnologica con il suo oggetto giuridico, che a sua volta condiziona le stesse possibilità o modalità di applicazione. L’espressione informatica giuridica ha prevalso sulle altre perché nel suo ambito rientrano tutti gli aspetti (molteplici e distinti) del rapporto fra computer e diritto, secondo una terminologia diversa da quella utilizzata negli Stati Uniti, ove è per lo più indicata con l’espressione di computer and law .
La definizione che si fornisce attualmente dell’informatica giuridica, quanto meno in Italia, è comunque più pratica. Innanzitutto si distingue tra:
• i.g. in senso lato e
• i.g. in senso stretto.
L’informatica giuridica (in senso lato) va intesa come quella materia che si occupa della trattazione delle attività informatiche tecnico-pratiche applicate al diritto.
Più precisamente dette attività applicative possono essere così riassunte:
1) Informatica giuridica documentale (o documentaria), chiamata anche informatica giuridica in senso stretto;
2) Informatica giuridica metadocumentale (o decisionale o modellistica giuridica o metadocumentaria o intelligenza artificiale nel diritto);
3) Informatica giudiziaria (o giuridico-gestionale) ha per oggetto l’automazione dei pubblici uffici.
Naturalmente questo tipo di ripartizione della materia, non essendo codificato in alcuna disposizione di legge, non è accettato da tutti. A mio avviso, però le particolarità proprie dell’informatica metadocumentale e dell’informatica giudiziaria sono tali da collocare queste discipline in una posizione piuttosto distante dall’informatica giuridica documentale, che comunque dell’informatica giuridica in senso lato rappresenta la parte più importante, oltre che maggiormente sviluppata ed applicata. Ed è proprio questo il campo che approfondirò maggiormente nel corso di questa tesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 L’informatica giuridica: aspetti generali 1. Le origini: elaboratore elettronico, cibernetica e giurimetria Le origini dell’informatica giuridica trovano il loro punto di partenza nello sviluppo dell’elaboratore elettronico. Esso risulta essere uno strumento polifunzionale, che si presta agli usi più diversi: difatti è la prima macchina cibernetica finalizzata a coadiuvare l’uomo non nello svolgimento di attività fisiche, bensì intellettuali, grazie ad un’ampiezza di memoria, una velocità di elaborazione ed una capacità di comunicazione per alcuni aspetti di gran lunga superiori a quelle della mente umana ed, anzi, talvolta neppure immaginabili da parte di questa 1 . Uno schema di funzionamento di un moderno computer è stato predisposto già negli anni quaranta da Norbert Wiener, il creatore della cibernetica 2 . Nella sua opera fondamentale, intitolata Cybernetics, or control and communication in the animal and the 1 GIANNANTONIO, E., Introduzione all’informatica giuridica, Milano, 1984, p. 4. 2 “Il termine cibernetica è oggi passato ad indicare l’impiego dei metodi dell’analisi scientifica nella soluzione dei problemi di controllo, in relazione soprattutto al vertiginoso sviluppo contemporaneo della tecnologia” BIN, R., NAUCCHI, N., Informatica per le scienze giuridiche, Padova, 2003, p. 9. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banche dati
diritto costituzionale
diritto dell'informatica
expert system
informatica giuridica
legimatica
legistica
sistemi esperti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi