Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli sviluppi del bilancio comunitario a seguito dell'allargamento

Nell’ultimo decennio, il processo di integrazione europea ha avuto una forte accelerazione segnando traguardi di significativa portata storica: l’introduzione della moneta unica, l’allargamento ai paesi dell’Europa centrale e orientale e la firma del trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa. Al tempo stesso, l’Europa si confronta con sfide e responsabilità senza precedenti dalla fine del secondo conflitto mondiale. Le tensioni militari nel Golfo, in Medio Oriente e le minacce terroristiche su scala globale richiedono oggi risposte politiche da parte dell’Europa, soprattutto dopo i fatti dell’11 settembre 2001.
Alle sue nuove responsabilità globali, l’Unione può far fronte soltanto con una maggiore efficacia del processo decisionale e con un migliore assetto istituzionale.
Ci sono, però, problemi derivanti dall’attuale debolezza economica che l’Unione sta attraversando. Tuttavia, con lo slancio di nuova tecnologia (ICT) è possibile che, come è accaduto per il processo di innovazione tecnologica negli Stati Uniti, gli investimenti istituzionali dell’Unione Europea arriveranno a maturazione rivitalizzando, così, l’economia.
A fronte di maggiori responsabilità internazionali, l’Europa deve poter disporre di più risorse finanziarie; realizzare le ambizioni europee in materia di politica estera e di difesa, di sicurezza e di controllo delle sue nuove frontiere, di cooperazione internazionale, di reperimento di maggiori risorse, e di una riforma del sistema finanziario.
Un elemento importante è il bilancio comunitario. Il pilastro del sistema finanziario comunitario è il bilancio dell’Unione Europea che poggia su una programmazione a medio termine delle spese. Il bilancio rappresenta il progetto annuale del piano pluriennale stabilito dall’accordo interistituzionale tra il Parlamento europeo, il Consiglio dell’Unione e la Commissione. L’accordo attualmente in vigore, risale al 6 maggio 1999, stabilisce per il periodo 2000/2006 i massimali per le diverse categorie di spese comunitarie: agricoltura, politica di coesione, politiche interne dell’Unione Europea, politica esterna, allargamento e spese amministrative. Il bilancio dell’Unione punta in questo decennio a fare dell’Unione Europea l’area più dinamica e competitiva dell’economia globale, ad aumentare l’occupazione e la produttività del lavoro, a promuovere la conoscenza e l’innovazione.
In un pianeta globalizzato ma al contempo frammentario, l’Europa deve assumersi proprie responsabilità nella partecipazione alla gestione della globalizzazione.
In tutto ciò, quali sono le attese e le aspettative dei cittadini europei? I cittadini europei approvano i grandi obbiettivi dell’Unione, però chiedono alle istituzioni meno complessità e rigidità, e soprattutto più trasparenza.
Questa tesi illustra gli sviluppi del sistema di bilancio comunitario dalle sue origini ai giorni nostri, mettendo a fuoco le principali tematiche e problematiche relative ai rapporti interistituzionali, all’allargamento ed alla Costituzione Europea. Tutto ciò nel quadro del processo di formazione dello spazio pubblico europeo e della crescente partecipazione della società civile.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nell’ultimo decennio, il processo di integrazione europea ha avuto una forte accelerazione segnando traguardi di significativa portata storica: l’introduzione della moneta unica, l’allargamento ai paesi dell’Europa centrale e orientale e la firma del trattato che istituisce una Costituzione per l’Europa. Al tempo stesso, l’Europa si confronta con sfide e responsabilità senza precedenti dalla fine del secondo conflitto mondiale. Le tensioni militari nel Golfo, in Medio Oriente e le minacce terroristiche su scala globale richiedono oggi risposte politiche da parte dell’Europa, soprattutto dopo i fatti dell’11 settembre 2001. Alle sue nuove responsabilità globali, l’Unione può far fronte soltanto con una maggiore efficacia del processo decisionale e con un migliore assetto istituzionale. Ci sono, però, problemi derivanti dall’attuale debolezza economica che l’Unione sta attraversando. Tuttavia, con lo slancio di nuova tecnologia (ICT) è possibile che, come è accaduto per il processo di innovazione tecnologica negli Stati Uniti, gli investimenti istituzionali dell’Unione Europea arriveranno a maturazione rivitalizzando, così, l’economia. A fronte di maggiori responsabilità internazionali, l’Europa deve poter disporre di più risorse finanziarie; realizzare le ambizioni europee in materia di politica estera e di difesa, di sicurezza e di controllo delle sue nuove frontiere, di cooperazione internazionale, di reperimento di maggiori risorse, e di una riforma del sistema finanziario. Un elemento importante è il bilancio comunitario. Il pilastro del sistema finanziario comunitario è il bilancio dell’Unione Europea che poggia su una programmazione a medio termine delle spese. Il bilancio rappresenta il progetto annuale del piano pluriennale stabilito dall’accordo interistituzionale tra il Parlamento europeo, il Consiglio dell’Unione e la Commissione. L’accordo attualmente in vigore, risale al 6 maggio 1999, stabilisce per il periodo 2000/2006 i massimali per le diverse categorie di spese comunitarie: agricoltura, politica di coesione, politiche interne dell’Unione Europea, politica esterna, allargamento e spese amministrative. Il bilancio dell’Unione punta in questo decennio a fare

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Livia Di Nardo Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2414 click dal 11/11/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.