Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esperienza delle imprese recuperate in Argentina. Problemi e prospettive.

L’obiettivo di questo lavoro è analizzare a fondo il fenomeno delle imprese autogestite. In particolare si tratta di capire cosa sia un’impresa recuperate, perché nasce e come. Quali sono stati i processi che hanno portato molti lavoratori a reagire in questo modo e come mai è un fenomeno diffuso così largamente in Argentina. Quali modalità organizzative sono state adottate con quali difficoltà e quali sono le loro potenzialità e prospettive future.
Per impresa recuperata si intende un’impresa abbandonata dal proprietario o in processo di svuotamento, fallimento o chiusura, che viene rimessa in funzione dai propri lavoratori costituitisi in cooperativa di lavoro. Partendo da questo presupposto, nella tesi viene analizzato il contesto nazionale argentino e gli eventi che portarono al crack del 2001. Esaminare il processo che ha portato alla crisi è di fondamentale importanza poiché è proprio dai problemi da esso generati che nasce la necessità di lottare per mantenere il proprio posto di lavoro: il fenomeno delle imprese recuperate si lega alle privatizzazioni, alla perdita di potere dell’industria nazionale, alle politiche del lavoro volte alla flessibilizzazione del mercato, alla crisi dei sindacati e via dicendo. La particolarità di queste esperienze non sta solo nel contesto in cui si inserisce, nelle modalità di lotta adoperate dai lavoratori e nella forma d’organizzazione scelta dal collettivo dei lavoratori, ma anche nel forte coinvolgimento della società civile nei processi di recupero. In effetti, il sostegno dato dalla società ai lavoratori delle imprese autogestite, ha reso possibile la trasformazione delle imprese autogestite in un movimento in grado di condizionare la vita del paese.
Il settore delle imprese recuperate sta diventando sempre più forte e si affaccia con forza nel panorama nazionale ed internazionale, tutto questo potrebbe essere letto come una risposta forte e decisa alla crisi. Come una delle vie che i lavoratori argentini hanno deciso di intraprendere al fine di risollevare l’economia nazionale. Nonostante tutto, però, il quadro in cui si inseriscono le imprese recuperate è in precario ed continuo mutamento: molto dipende dalla propensione al futuro dei lavoratori delle imprese autogestite e dalla risoluzione di molti problemi endogeni, ma anche dall’andamento dell’economia nazionale e dalla volontà delle Istituzioni Statali di facilitare la normalizzazione di queste esperienze.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Hemos demostrado que aún sin patrón nosotros podemos manejar una empresa, podemos tener un retiro digno y bueno, tener una perspectiva de que el día de mañana seamos los dueños. 1 Il mio primo contatto con il tema delle imprese recuperate è stato vedendo il film-documentario “The take” di Naomi Klein e Avi Lewis. Nella pellicola, infatti, si parla della crisi argentina e della forte reazione di alcuni operai, che rimasti disoccupati, decisero di lottare per il proprio posto di lavoro. Successivamente, il professor Zevi mi parlò del progetto di cooperazione internazionale svolto dal Cospe con alcune imprese recuperate di Buenos Aires e decisi di approfondire il tema. La possibilità di andare a studiare il fenomeno da 1 1 “Abbiamo dimostrato che anche senza padrone noi possiamo condurre un’impresa, possiamo avere un salario degno e buono, avere la prospettiva che domani potremmo essere i proprietari”. GUTIÉRREZ C., “Qué somos y còmo lo hacemos”, Nudos, Anno 1 Num 1, giugno 2006, pag 4-5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Interfacoltà Scienze della comuniczione e scienze umanistiche

Autore: Rosanna Continanza Contatta »

Composta da 348 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1419 click dal 11/11/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.