Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Maestra sono stato adottato, lo sai che sono nato dalla pancia dell'aereo?'' L'inserimento scolastico del bambino adottivo, analisi della realtà di un piccolo gruppo della provincia di Vicenza

L'inserimento scolastico del bambino adottivo, analisi della realtà di un piccolo gruppo
della provincia di Vicenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Ho scelto di trattare questo tema dell’adozione, sia perché mi ha vista protagonista e mi tocca quindi da vicino, sia perché sono convinta che tutti i bambini – soprattutto quelli con una storia particolare e spesso problematica alle spalle come i minori adottati, affidati, portatori di handicap o stranieri – hanno bisogno di trovare nell’ambiente scolastico qualcuno disponibile ad ascoltarli, ad ascoltare non solo quello che sanno, ma anche quello che sentono, qualcuno che sappia valorizzare ogni loro diversità. E per questo le emozioni e i sentimenti degli allievi devono essere accolti e riconosciuti come aspetti positivi in quanto strettamente legati alla loro personale e unica esperienza. Ho voluto introdurre l’adozione parlando di come la famiglia nel suo essere attraversa delle fasi più o meno chiare, in cui si trova ad affrontare dei compiti evolutivi che le servono per passare da uno stadio all’altro. Nel caso di coppie che scelgono l’adozione per formare una nuova famiglia, questi compiti possono essere complicati da aspetti relativi all’adozione che interagiscono con la normale fase, e che richiedono delle strategie di coping e problem solving maggiori, da parte delle famiglie. Ho terminato quest’elaborato con una raccolta e un’analisi dell’esperienza di un piccolo gruppo d’insegnanti della provincia di Vicenza. In questa provincia, dopo DGR 2161 del 16/07/04 della regione Veneto, riguardante il “Progetto Pilota regionale per il sostegno e l’accompagnamento della famiglia adottiva”, era stato ideato un percorso e un piano di lavoro che andasse a soddisfare il terzo punto di tale delibera: “Favorire l’inserimento scolastico e sociale del bambino adottivo, anche attraverso una sensibilizzazione del corpo docente sulle culture e sulle problematiche specifiche dell’adozione”.

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Christina Marchetto Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1474 click dal 19/11/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.