Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Rappresentanza Militare e le relative proposte di riforma

La Rappresentanza dei militari è il sistema che, a fine anni settanta, venne scelto dalla politica per rispondere alle istanze di democratizzazione che venivano sollevate dai “militari democratici”. Questo sistema, passato attraverso mille contrasti e altrettanti problemi, dopo trenta anni attende una sua completa revisione.
Nel corso di questi anni, modifiche parziali delle norme che regolano i rapporti tra rappresentanza, vertici militari e politica, sono state inserite in vari provvedimenti legislativi, ma nessuna ha inciso a fondo nel corpo del sistema, sia rappresentativo che militare propriamente detto.
Dopo un excursus sulle organizzazioni sindacali o parasindacali delle Forze armate degli altri paesi europei si è provato ad analizzare le proposte che in questo momento sono sul tavolo, le diverse posizioni tra i vertici militari ed il personale e quali potrebbero essere vantaggi e svantaggi di una riforma della rappresentanza militare.

Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi della Tuscia Tesi di Laurea Interfacoltà Scienze Organizzative e Gestionali Relatore: Prof. Federico SEPE di: Giovanni PALANTRA SOG 41980 Introduzione La rappresentanza dei militari, intesa come “un sistema […] attraverso il quale […] il personale militare esprime pareri, formula richieste ed avanza proposte, prospettando istanze di carattere collettivo” 1 , nel 2008 compie trent’anni. Nel corso di questi sei lustri, due generazioni di militari si sono alternate e una terza generazione si sta apprestando a entrare in gioco. La prima generazione è scesa in piazza, ha preso parte alla grande stagione della contestazione degli anni ’70 e alla fine è riuscita ad ottenere, parzialmente, quello che chiedeva: l’applicazione della Costituzione con relativo riconoscimento dei “diritti di cittadinanza” anche per i militari, forme di rappresentatività e democratizzazione del sistema gerarchico, forme di partecipazione, condivisione e collaborazione con i comandanti, possibilità di avere contatti e relazioni con la politica. Poi ha fatto di tutto per rafforzare lo strumento rappresentativo La seconda generazione è quella che sta cercando di modificare la rappresentanza militare: sono quelli che restano della prima generazione, alcuni sono già in congedo, insieme ai loro “nipoti”; sono quelli che hanno fatto crescere il numero di associazioni non riconosciute; sono quelli che hanno cominciato ad usare internet; sono quelli che, tornando sulle richieste di chi li ha preceduti, stanno chiedendo, ancora una volta, la trasformazione in sindacato della Rappresentanza militare. La terza generazione è appena comparsa in scena. E’ la generazione più complessa, perché la società è diventata più complicata, le Forze armate hanno perso la leva, e si è innalzato il livello culturale. Infine perché, finalmente, tra le componenti attive in prima linea si vedono anche gli ufficiali. E sono ufficiali che appartengono più alla seconda generazione che alla terza. Potrebbe essere questa la generazione che porta a compimento la riforma della Rappresentanza Militare? 1 Art. 1 del D.P.R. 4.11.79, n. 691, “Regolamento di attuazione della Rappresentanza Militare” 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Organizzative e Gestionali

Autore: Giovanni Palantra Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2070 click dal 18/11/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.