Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"Conservare in luogo fresco e asciutto". Problemi metodologici nella conservazione dei materiali d’archivio. Un caso esemplare: il Progetto Mastroianni

Questo lavoro mira a rispondere ad alcune domande fondamentali nella gestione dei materiali d'archivio in cineteca, soprattutto per ciò che concerne quelli di natura cosiddetta non-filmica.
Spesso ci si chiede, ad esempio: come catalogare tali materiali? Come conservarli? Come valorizzarli? Quali aspetti sono significanti? E di cosa?
La tesi che si è voluta dimostrare è che le cineteche non sono collettori universali di ogni tipo di materiali, ma la loro attività è informata dal principio della scelta di materiali significativi in relazione ai fondi gestiti e alle finalità dalla cineteca stessa.
Non a caso, infatti, la prima parte – che potremmo definire quasi “metodologica” - è interamente finalizzata all’analisi di un caso esemplare: la costruzione del fondo legato a Mastroianni. La particolarità del progetto sulla vita del grande attore italiano sta nel fatto che parte dei materiali è stata donata alla Cineteca di Bologna dall’ultima compagna di Mastroianni, Annamaria Tatò ma in realtà tutto il resto è ancora necessario cercarlo: si tratta quindi di un fondo in fieri, non a caso costruito alla vigilia del decennale della morte di Mastroianni.
La tesi contine il resoconto delle fasi che hanno condotto alla costruzione del Progetto, avvalendomi di dati numerici, valutazioni, semplici resoconti e descrizioni delle strategie di valorizzazione dei materiali del progetto con ipotesi sul loro futuro utilizzo in ambito culturale.
Si presenteranno in conclusione delle considerazioni su come gli aspetti teorici del lavoro archivistico si scontrino poi con la realtà pratica ed inoltre verranno esposte anche delle riflessioni sul tema del digitale.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 PARTE PRIMA : PROBLEMI METODOLOGICI DEL «NON-FILM»

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuela Zaccone Contatta »

Composta da 283 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1403 click dal 26/11/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.